Come richiedere prestiti Inps ex Ipost a tassi agevolati nel 2017

Finanziamenti per dipendenti Poste Italiane: tutti i prodotti dell’offerta

L’Inps, attraverso il suo Fondo Credito, eroga prestiti su cessione del quinto ai dipendenti in servizio di Poste Italiane Spa e Società collegate. Meglio noti come prestiti Inps ex Ipost, questi finanziamenti consentono di accedere a somme con le quali far fronte ad improvvise esigenze economiche, o finanziare progetti di varia natura.

L’offerta dei prestiti ex Ipost si suddivide in piccoli prestiti e prestiti pluriennali, entrambi erogati tramite la Gestione Fondi Poste dell’Inps. I piccoli prestiti prevedono un importo massimo che può arrivare a otto mensilità medie nette percepite dal richiedente, ma la somma finanziabile varia in funzione della durata del piano di ammortamento.

Il piccolo prestito

Per ogni anno di durata del prestito, che può essere di 12, 24, 36, o 48 mesi, è possibile ottenere una somma pari a due mensilità medie al netto delle tasse. Di conseguenza per un finanziamento di durata annuale si potranno ottenere due mensilità, per uno biennale quattro, e cosi via.

Per i dipendenti che hanno in corso altre cessioni del quinto, l’importo erogabile si riduce a una mensilità per una mensilità netta per ogni anno di ammortamento. Possono accedere ai piccoli prestiti i dipendenti è che hanno maturato almeno 2 anni di anzianità di servizio di ruolo. In sede di domanda non occorre indicare alcuna motivazione né preventivo di spesa. Il TAEG è fisso al 5% per tutta la durata del rimborso.

Prestiti pluriennali per dipendenti Poste Italiane

A differenza del piccolo prestito, i finanziamenti pluriennali possono avere durata quinquennale o decennale e sono concessi solo a chi ha maturato almeno 4 anni di anzianità di servizio di ruolo. I dipendenti di Poste Italiane Spa e Società collegate possono accedere a questa forma di prestito solo per finanziare progetti rientranti nelle casistiche indicate dal REGOLAMENTO CRED3.

L’erogazione avviene nei limiti della quota cedibile dello stipendio percepito dal richiedente, che generalmente corrisponde a un quinto dello stesso. Il rimborso del credito, lo ribadiamo, avviene tramite decurtazione diretta della rata dallo stipendio. L’importo finanziabile varia in base alla motivazione per cui lo si richiede, mente il TAEG applicato è del 3,50% per tutta la durata del rimborso. La rata è costante.

Come presentare la domanda

Ma come richiedere i prestiti Inps ex Ipost? I moduli di domanda possono essere scaricati direttamente dal sito ufficiale dell’Inps. Per quanto riguarda i documenti da allegare, per il piccolo prestito sono richieste una fotocopia del documento di identità e la copia dell’ultima busta paga percepita dal richiedente.

Necessaria anche la presentazione del certificato stipendiale, che dovrà essere rilasciato da Poste Italiane SpA o società collegate. Per ottenere tale certificazione il lavoratore deve presentare una specifica richiesta al punto amministrativo competente, sarà questo ad occuparsi di inoltrarlo all’Inps.

Per i prestiti pluriennali Inps ex Ipost invece sono richiesti tutti i seguenti documenti:

  • autocertificazione dello stato di famiglia;
  • certificato stipendiale;
  • fotocopia dell’ultima busta paga;
  • fotocopia del documento di identità valido;
  • certificato medico attestante la buona salute del richiedente, rilasciato dal medico di base su carta intestata;
  • dichiarazione di copia conforme agli originali.

A questi si aggiungono poi tutti i documenti attestanti le spese effettuate o preventivate relative alla motivazione per cui si richiede il prestito, come specificato dal Regolamento Prestiti Inps ex Ipost.

Sia per i piccoli presiti che per i prestiti pluriennali, la domanda deve essere inviata per posta cartacea al seguente indirizzo: Inps – Direzione centrale Credito e welfare, Area Prestazioni Creditizie, viale Aldo Ballarin, 42 – 00142 Roma.

Simulazione prestito pluriennale Ipost

Quanti desiderano fare una simulazione del prestito e calcolare l’eventuale rata di rimborso possono utilizzare la procedura di simulazione disponibile sul sito ufficiale dell’Inps. Il servizio, accessibile tramite le pagine informative dedicate ai prestiti Inps ex Ipost, consente di simulare il prestito indicando l’importo lordo della propria retribuzione mensile e le caratteristiche del finanziamento che si intende richiedere.