Le migliori soluzioni di prestiti senza reddito o entrate fisse

Prestiti senza busta paga e senza reddito: quali le differenze

I prestiti senza reddito dimostrabile sono una tipologia di finanziamento che consente di accedere al credito in assenza di un reddito dimostrabile. Da non confondere con i prestiti senza busta paga, che prevedono comunque un’entrata fissa, i prestiti senza reddito sono rivolti a chi non ha alcuna tipologia di reddito o un’entrata dimostrabile.

Per ottenere questo tipo di finanziamenti, infatti, non sono necessarie particolari documentazioni. A garanzia del finanziamento è sufficiente presentare la richiesta di un soggetto terzo che si impegni come garante oppure un’ipoteca su un’immobile di proprietà con la soluzione di mutuo liquidità.

Condizioni dei finanziamenti senza reddito dimostrabile

Poiché rientra nella categoria dei prestiti personali, il prestito senza reddito non prevede da parte del richiedente alcuna giustificazione della richiesta di credito, né la presentazione di preventivi di spesa.

Unica pecca del prestito senza reddito è l’elevato tasso di interesse. Gli istituti erogatori tendono infatti a tutelarsi dal rischio di insolvenza applicando un Tan piuttosto alto, che generalmente si aggira intorno al 14%. 

Per quanto attiene la documentazione da presentare, il richiedente dovrà produrre: un documento d’identità in corso di validità, il codice fiscale e la documentazione relativa al conto corrente dal quale è possibile rilevare i suoi introiti.

Ai fini dell’accesso al credito, il soggetto deve anche presentare la documentazione attestante la titolarità dell’immobile sul quale sottoscrivere l’ipoteca o, se intende avvalersi di un fideiussore, quella relativa al reddito del garante.

Prestiti con ipoteca per over 60

Quando si parla di prestiti senza reddito è necessario fare riferimento anche ai prestiti vitalizi ipotecari. Prodotti che permettono a quanti hanno già compiuto i 60 anni di età di ottenere liquidità a fronte dell’accensione di un’ipoteca sulla casa.

Ai fini dell’accesso al credito è necessario essere proprietari di un immobile residenziale. Unità immobiliare che non deve essere gravata da altre iscrizioni ipotecarie.

A normare il prestito vitalizio ipotecario è il decreto del Ministro dello Sviluppo Economico n. 226 del 22 dicembre 2015. Nel complesso possiamo dire che il prestito vitalizio è un finanziamento pensato per rispondere alle esigenze finanziarie degli over 60.

All’anziano viene erogata una somma, anche abbastanza alta, che non è chiamato a rimborsare. Concessione che avviene solo a fronte dell’iscrizione di un’ipoteca sull’immobile di proprietà, che rimane nelle sue disponibilità fino al momento della sua morte. Il beneficiario quindi non è obbligato a vendere né abbandonare la casa.

Alla morte dell’anziano saranno gli eredi ad occuparsi della restituzione del capitale e dei relativi interessi. Il rimborso è previsto posteriormente al decesso del beneficiario. Nel caso in cui gli eredi decidano di non provvedere al pagamento, la banca potrà scegliere di vendere l’immobile al fine di rientrare del denaro prestato.

Per quanto riguarda l’entità della somma concessa, ricorrendo al prestito vitalizio ipotecario solitamente è possibile ottenere somme comprese tra il 15 e il 50 per cento del valore attribuito all’immobile.

Ottieni prestiti senza garanzie con il microcredito

Ma come trovare un prestito senza reddito dimostrabile? La categoria dei prestiti senza reddito abbraccia vari tipi di finanziamento, tra le quali ricordiamo i prestiti d’onore. Linee di credito dedicate a chi desidera avviare un’attività o finanziare un percorso di studi post universitario, che consentono di ottenere il capitale senza particolari requisiti o garanzie.

Una particolare forma di prestito senza reddito è rappresentata dal micro-credito, in cui la dimostrazione di una retribuzione fissa non è prevista per motivi umanitari. Si tratta, infatti, di finanziamenti concessi a fronte di reali e documentate motivazioni sociali primarie verso soggetti non bancabili, ossia persone che non possono accedere alle tradizionali soluzioni di credito.

Sono diversi gli istituti che concedono micro-credito sia alle famiglie in difficoltà che ai lavoratori autonomi che passano periodi particolarmente difficili. Per conoscere tutti i dettagli del micro-credito vi invitiamo a consultare il portale ufficiale dell’Ente nazionale per il microcredito (microcredito.gov.it).

Come trovare finanziamenti on line senza reddito

Oltre ai finanziamenti concessi nell’ambito del micro-credito, quanti non dispongono di un reddito possono rivolgersi anche a banche e finanziarie. sono diversi infatti gli istituti di credito che concedono prestiti anche a chi non ha un reddito.

È possibile trovare offerte di prestiti senza reddito online, consultando i vari siti di comparazione disponibili gratuitamente sulla Rete. In questo modo, l’utente ha la possibilità di confrontare in breve tempo le offerte di più istituti, selezionando poi quella più conveniente.

Una soluzione per ottenere condizioni di rimborso più vantaggiose, potrebbe essere quella di rivolgersi a istituti di credito online, ossia enti che operano solo sul Web e che, avendo eliminato i costi legati alle sedi fisiche, propongono spesso finanziamenti a condizioni agevolate rispetto a quelle di mercato.