Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Dove richiedere mutuo prima casa? Guida al credito

La prima casa d’abitazione è un bene essenziale che, grazie alla politica favorevole della BCE, può essere acquistato a condizioni sempre più favorevoli. Alla luce di ciò è bene informarsi su dove richiedere mutuo prima casa.

Mutuo per la prima casa: ecco chi lo eroga

Dove richiedere mutuo prima casa? Rispondere a questa domanda significa chiamare in causa un ampio numero di istituto di credito. Sono infatti davvero tante le banche che permettono, a condizioni più o meno agevolate, di richiedere finanziamenti per l’acquisto della prima casa d’abitazione.

Tra le varie offerte disponibili analizziamo il Mutuo Domus di Intesa Sanpaolo, prendendo come esempio un finanziamento a tasso fisso di 100.000€.

Considerando la richiesta da parte di un impiegato di 35 anni che guadagna 2.200€ al mese e un piano di ammortamento della durata di 20 anni, si avrebbe una rata mensile di 482,55€. Il TAN fisso e il TAEG di questo mutuo sono pari rispettivamente all’1,50 e all’1,72%. Il piano prevede anche spese d’istruttoria e di perizia per 400 e 320€.

Mutui a tasso variabile per la prima casa: specifiche generali

Continuiamo a parlare di dove richiedere mutuo prima casa approfondendo le migliori offerte a tasso variabile. Per farlo teniamo sempre presenti i parametri sopra specificati. Quali sono le soluzioni di mutuo migliori? Tra le varie opzioni disponibili sul mercato è possibile considerare il mutuo a tasso variabile di Hello Bank che, dati i riferimenti già citati, prevedrebbe una rata mensile di 452,22€, con tasso calcolato sulla base dell’Euribor 1 mese maggiorato di uno spread dell’1,20%.

Le spese d’istruttoria e di perizia corrispondono rispettivamente a 200 e 300€ e il TAEG è pari allo 0,95%.

Mutuo con l’Inps: ecco la soluzione per chi vuole acquistare la prima casa

La domanda dove richiedere mutuo prima casa prevede, tra le risposte, anche un riferimento ai piani Inps ex Inpdap. L’Ente mette infatti a disposizione una soluzione ipotecaria ad hoc per gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali che vogliono acquistare la prima casa d’abitazione per sé o per un familiare.

In questo caso il limite massimo finanziabile è pari a 300.000€, integrabili con ulteriori 6.000 finalizzati alla copertura delle spese assicurative non obbligatorie.

Mutuo Inps per la prima casa 2024: tasso e modalità di richiesta

Continuiamo a discutere di dove richiedere mutuo prima casa parlando del tasso dei piani ipotecari Inps ex Inpdap e ricordando che si può scegliere tra tasso fisso pari al 2,95% e tasso variabile, corrispondente invece all’Euribor 6 mesi maggiorato di 200 punti base e calcolato su 360 giorni.

Le modalità d’invio prevedono la possibilità di trasmettere la domanda esclusivamente per via telematizzata. L’invio è consentito dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre di ogni anno.

Indice contenuti