Scegli il prestito Inpdap decennale per affrontare le spese importanti

Prestiti Inpdap a dipendenti pubblici e pensionati

Il prestito Inpdap è una formula agevolata di accesso al credito rivolta a lavoratori e pensionati pubblici. Nonostante la soppressione dell’Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti dell’ amministrazione pubblica, le sue funzioni, inclusa l’erogazione dei finanziamenti, sono ancora presenti, seppure trasferite all’interno delle strutture Inps. Scopriamo quindi le caratteristiche e le opportunità assicurate dal prestito Inpdap decennale.

I prestiti ex Inpdap Inps sono numerosi con formule differenti a seconda delle esigenze del richiedente. Si va dal Piccolo prestito, con un piano di rimborso minimo annuale, ai Prestiti pluriennali. prodotti, questi ultimi che possono essere sia diretti che garantiti.

In altre parole, i piccoli prestiti possono essere sia concessi dall’Inps che da banche e finanziarie convenzionate con l’ente previdenziale. I prestiti pluriennali possono essere quinquennali o decennali, ed è proprio su questi che andremo a concentrare il nostro articolo. Vediamo quindi in dettaglio le proposte con piani di ammortamento decennali.

Prestiti Inpdap pluriennali diretti 2018/2019

Il Prestito pluriennale diretto prevede l’erogazione di una somma necessaria alla soddisfazione di spese personali documentate, nel rispetto delle istanze riportate dal Regolamento Inps. I beneficiari sono dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Due sono i processi di rimborso a disposizione del cliente: quinquennale, basato su 60 rate mensili, e decennale (120 rate mensili). La durata del finanziamento viene definita in base alla spesa che si desidera sostenere, come stabilito dal suddetto regolamento Inps.

In altre parole, la durata del piano di rimborso, così come per la somma massima erogabile, varia a seconda della finalità del prestito. Ci sono quindi prestiti pluriennali che prevedono la restituzione delle rate ripartita in 5 anni e altri che si estendo per 10 anni.

Chi può ottenerli? Hanno accesso ai prestiti pluriennali diretti esclusivamente i dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali dell’Inps. Ai fini dell’accesso al credito i dipendenti pubblici in attività di servizio devono poter vantare anche un contratto a tempo indeterminato e avere almeno quattro anni di anzianità di servizio utile ai fini della pensione.

Tuttavia possono ottenere il finanziamento anche quanti sono assunti con contratti a tempo determinato. In tal caso l’accesso al credito è possibile solo a condizione che il richiedente sia assunto con contratto di durata pari ad almeno tre anni.

I dipendenti a tempo determinato possono però ottenere solo prestiti pluriennali estinguibili nell’arco di vigenza del contratto di lavoro. I beneficiari hanno l’obbligo di cedere il TFR a garanzia del prestito.

Le spese finanziabili

Ma quando è possibile ottenere un prestito Inpdap decennale? L’Inps prevede la concessione di finanziamenti con rimborso decennale per far fronte a spese legate ai seguenti eventi.

  • Acquisto della casa di residenza.
  • Costruzione della casa di residenza.
  • Riscatto di alloggi popolari o di alloggi di enti pubblici che sono già condotti in locazione.
  • Acquisizione di una casa in cooperativa oppure da una cooperativa costituita da locatari di case di enti pubblici in corso di dismissione.
  • Interventi di restauro, manutenzione straordinaria, ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo della casa di proprietà.
  • Estinzione anticipata o riduzione di un mutuo ipotecario sottoscritto con un istituto di credito o società finanziaria dal lavoratore/ pensionato o dal coniuge.
  • Gravi malattie che interessano i componenti del nucleo familiare del lavoratore/ pensionato.

Oltre alla finalità appena elencate, è possibile ottenere un prestito Inpdap decennale anche per far fronte a spese eccezionali che non rientrano tra le suddette casistiche. È possibile però ottenere il denaro solo a condizione che le spese che si desiderano finanziare risultino socialmente rilevanti e che, data la loro gravità, comportino un importante impegno economico.

Tasso 2018 e rimborso

Ora che abbiamo chiarito quali sono le finalità per cui è possibile ottenere un prestito Inpdap decennale, parliamo del rimborso. Le rate di ammortamento sono detratte direttamente dalla busta paga o dalla pensione mensile percepita dal richiedente.

Dobbiamo tenere conto che l’entità della rata mensile non può eccedere la soglia di un quinto di stipendio o pensione. Il pagamento delle rate si realizza a partire dal secondo mese successivo a quello di attribuzione del finanziamento.

Per comprendere l’effettiva sostenibilità del finanziamento dobbiamo tenere presenti gli oneri associati. Questi si sostanziano in un tasso di interesse nominale annuo del 3,50%. Al tasso si aggiungono le spese di amministrazione, corrispondenti allo 0,50% dell’importo lordo del finanziamento.

Non solo. Il beneficiario del prestito Inpdap decennale deve anche far fronte ad un premio per il Fondo Rischi Inps. L’entità del premio varia a seconda dell’età del debitore.

Come richiederli

Passiamo infine alla presentazione della domanda. Quanti desiderano ottenere un prestito Inpdap decennale devono inoltrare la richiesta utilizzando i relativi moduli di richiesta. Moduli che possono essere scaricati direttamente online, sul portale ufficiale dell’Inps.

La domanda di finanziamento deve essere presentata entro un anno dalla data dell’evento per il quale si richiede il finanziamento, o dalla relativa documentazione di spesa. La richiesta deve essere trasmessa per via telematizzata.

A tal proposito, l’Inps a messo a disposizione dei servizi online accessibili ai pensionati pubblici che possono inoltrare la richiesta autonomamente. I dipendenti pubblici in attività di servizio invece devono rivolgersi all’Amministrazione di appartenenza.

I documenti da allegare alla richiesta di finanziamento variano a seconda della finalità, come specificato nel Regolamento Prestiti Inps.

Come funzionano i prestiti pluriennali garantiti

In alternativa i dipendenti pubblici che hanno necessità di accedere al credito possono scegliere di richiedere un prestito pluriennale garantito. Si tratta di finanziamenti garantiti dall’Inps ma concessi da banche e finanziarie convenzionate con l’ente previdenziale.

L’Inps quindi non si occupa di erogare il denaro, ma garantisce il prestito a fronte di una serie di eventualità. La garanzia fornita dall’Istituto interviene nei seguenti casi:

  • morte dell’iscritto prima dell’estinzione del prestito;
  • conclusione del servizio senza diritto a pensione;
  • riduzione dello stipendio.

Come per il prestito Inpdap decennale, l’entità della rata non può eccedere la soglia di un quinto della retribuzione mensile. A godere di questo finanziamento sono esclusivamente gli iscritti alla Gestione unitaria per le prestazioni creditizie e sociali in attività di servizio.

Ai fini dell’accesso al credito il lavoratore deve poter vantare almeno quattro anni di servizio effettivo nel rapporto di impiego. Non accesso al credito i pensionati pubblici, a differenza di quanto accade per il prestito Inpdap decennale diretto.

Condizioni e domanda

Come nel caso precedente, il piano di ammortamento è di tipo quinquennale oppure decennale (60 o 120 rate mensili). Non possiamo conoscere a priori il tasso di interesse che sarà applicato, perché questo è dipeso dalle politiche dell’ente creditizio erogatore.

Sappiamo comunque che, oltre agli interessi e alle spese di amministrazione degli Istituti di credito, sulla rata incidono:

  • una somma computata alla luce dello 0,50% per spese di amministrazione in favore dell’Inps Gestione Dipendenti Pubblici;
  • un premio compensativo per il rischio di insolvenza corrispondente all’1,5% per i prestiti quinquennali e al 3% per i prestiti decennali in favore dell’Inps Gestione Dipendenti Pubblici.

Come richiedere il finanziamento? Il dipendente pubblico che desidera ottenere un prestito Inpdap pluriennale garantito deve presentare la domanda di finanziamento in quattro copie. La richiesta deve essere inoltrata all’Amministrazione presso la quale è assunto.

I moduli di domanda possono essere scaricati direttamente dal sito ufficiale dell’Inps. A questo va allegato un certificato medico attestante la sana costituzione fisica del lavoratore. Sarà l’amministrazione poi ad occuparsi di comunicare con l’istituto di credito prescelto per la concessione del finanziamento.