Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutuo Inps prima casa 2024: come ricevere fino a 300mila euro

Quando si tratta di acquisto della prima casa la ricerca del mutuo è una delle principali priorità. Trovare il prodotto giusto non è facile, sono numerose le alternative da esaminare. Quale scegliere? Gli iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps possono disporre di una soluzione agevolata di finanziamento dedicata alla prima casa: il mutuo Inps prima casa 2024.

Mutuo Inps prima casa 2024: di cosa si tratta

Un primo aspetto da esaminare per la valutazione del mutuo Inps prima casa 2024 è rappresentato dal capitolo dei requisiti da rispettare.

I richiedenti devono rispettare precise condizioni per ottenere il credito dell’istituto di previdenza. Il pubblico dei beneficiari è infatti composto da lavoratori, con contratto a tempo indeterminato, e pensionati iscritti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali. Prevista inoltre una anzianità di iscrizione corrispondente ad almeno un anno.

Mutuo Inps: importi e finalità disponibili

A seconda della richiesta d’accesso al credito, sono determinati gli importi massimi. La cifra più elevata, pari a 300mila euro, si realizza per acquisto o costruzione della prima casa. L’abitazione non può essere definita di lusso dal punto di vista delle categorie catastali e va impiegata come residenza dell’iscritto e del suo nucleo familiare

Per gli interventi di manutenzione e ristrutturazione della prima casa, il mutuo Inps prima casa 2024 permette di ricevere somme fino al 40% del valore dell’abitazione. Vi è comunque un limite massimo, 150mila euro. Nell’ambito delle opere ammesse rileviamo anche adattamento, ampliamento e trasformazione.

L’ultima finalità è costituita dall’acquisto o costruzione di un box oppure posto auto. L’importo accordato dall’ente previdenziale in questa circostanza corrisponde a una soglia massima di 75mila euro.

Mutui Inpdap Inps prima casa: la richiesta

La richiesta di finanziamento va inviata grazie ai servizi online del portale Inps. Non solo. L’utente deve tenere presente che la domanda può essere inoltrata solo in particolari periodi dell’anno: le prime dieci giornate di gennaio, maggio o settembre.

La procedura prevede l’impiego di numerosi allegati. Se questi dovessero risultare assenti, la domanda sarà rifiutata. Vi consigliamo quindi di riservare tempo e la dovuta attenzione alle modalità di richiesta.

Tasso mutui Inps ex Inpdap 2024

Per la scelta del tasso di interesse l’utente ha due soluzioni. Chi vuole il tasso fisso, andrà incontro al 2,95%. Il tasso variabile è invece computato in rapporto all’Euribor a 6 mesi, maggiorato di 200 punti base.

Più articolata è la scelta relativa alla durata. L’utente può scegliere tra 10, 15, 20, 25 e 30 anni. Durata che però si riduce a una soglia massima di 15 anni.

È disposto un piano di ammortamento scandito da rate semestrali posticipate.

 

Indice contenuti