Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Calcolo finanziamenti personali: le migliori offerte 2016

Le richieste di finanziamenti personali consentono di far fronte a necessità di diverso tipo senza dover presentare alcun giustificativo di spesa. Il calcolo finanziamenti personali rappresenta quindi un’opzione molto utile da considerare in caso di necessità di denaro.

Finanziamenti personali: i piani da non perdere

Per non sbagliare nella scelta di un finanziamento personale è necessario passare in rassegna diversi piani. Per aiutarvi nel calcolo finanziamenti personali abbiamo scelto alcuni esempi specifici.

Partiamo dal prodotto “i tuoi progetti” di Unicredit e ipotizziamo la richiesta di 15.000€ con la scelta di un piano di ammortamento di 5 anni. In questo caso a carico del beneficiario ci sarebbe una rata mensile pari 292,80€, con TAN e TAEG corrispondenti rispettivamente al 6,39 e al 6,58%.

Finanziamenti personali calcolo rata: altri esempi utili

La sostenibilità della rata è il primo dato di cui tenere conto quando si effettua il calcolo finanziamenti personali. Ricordiamo ancora una volta che l’analisi di diversi piani è il modo migliore per non sbagliare e per questo facciamo un altro esempio, chiamando in causa il prestito Fidiamo proposto da Fiditalia.

Ipotizzando sempre la richiesta di 15.000€ e la scelta di un piano di ammortamento della durata di 5 anni, si avrebbe una rata mensile pari a 310,94€, con TAN e TAEG pari rispettivamente all’8,94 e al 9,71%.

Prestiti personali: il piccolo prestito Inps

Quando si tratta di operare il calcolo finanziamenti personali è possibile fare riferimento anche al piccolo prestito Inps, una prestazione economica che consente agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali di richiedere denaro per necessità urgente.

Il piccolo prestito Inps permette di scegliere piani di rimborso della durata compresa tra i 12 e i 48 mesi, con rate minime corrispondenti a una mensilità netta di stipendio (caso di un prestito annuale con altre cessioni in corso).

Calcolo finanziamenti personali: la proposta di Compass

Ultima opzione che prendiamo in esame per quanto riguarda il calcolo finanziamenti personali è il prestito Compass Facile.it. Come funziona? Anche in questo caso per dare una risposta facciamo un esempio specifico, ipotizzando la richiesta di 15.000€ e la scelta di rimborsarli con un piano di ammortamento di 5 anni.

A quanto corrisponderebbe la rata a carico del beneficiario? A 321,15€ mensili, con TAN e TAEG pari rispettivamente al 9,90 e all’11,06% (debito totale a carico del titolare del contratto di prestito pari a 19.355€).

Questo prestito può essere richiesto da persone fisiche di età compresa tra i 18 e i 70 anni e prevede spese d’istruttoria pari all’1% della cifra complessiva richiesta (spese d’incasso pari a 1€).

La sua concessione non prevede la presentazione di garanzie, fatta eccezione per un documento attestante la ricezione di un reddito. La periodicità delle rate è mensile e prevede l’accredito sul conto corrente bancario o postale.

Indice contenuti