Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Finanziamento ipotecario: 50mila euro su garanzia ipotecaria

Differenza tra finanziamento e mutuo ipotecario

Il prestito ipotecario è il prodotto ideale per chi desidera accedere a capitali di media entità, portando a garanzia del finanziamento un immobile di proprietà su cui sottoscrivere un’ipoteca. In linea di massima questa tipologia di prestito consente di accedere a una somma massima di 50 mila euro, rimborsabili con un piano di ammortamento che può durare da 5 a 25 anni.

Si tratta dunque di un finanziamento ben diverso dai tradizionali mutuo prima casa e mutuo liquidità la modalità. La somma massima finanziabile, infatti, non ha lo stesso limite. A differenza di quanto accade nel mutuo, in cui l’ipoteca è sottoscritta sull’immobile oggetto del finanziamento, che fino al saldo del prestito non diventa di proprietà del cliente, il prestito ipotecario è garantito da un’ipoteca su un immobile già di proprietà del beneficiario.

Caratteristiche del finanziamento ipotecario: piano di ammortamento e ipoteca

Per richiedere un finanziamento ipotecario è necessario essere in possesso di determinati requisiti economici e possedere un immobile o un altro bene sul quale è possibile sottoscrivere l’ipoteca a garanzia del contratto di prestito stipulato. Il sottoscrittore del mutuo non perde il diritto di proprietà per l’intera durata del contratto, a meno che non risulti insolvente.

Per quanto riguarda la domanda di finanziamento, in sede di contratto è necessario presentare, oltre alla documentazione di rito, anche un documento che attesti la proprietà del bene a garanzia del mutuo e il contratto di lavoro. La sottoscrizione di un’ipoteca su un bene è regolata dagli articoli 2808 e seguenti del Codice Civile, che definiscono i caratteri generali in materia di efficacia e diritti sul bene ipotecato.

Ipoteca sulla casa e altri beni: come funziona

Per accedere a un prestito personale, è possibile sottoscrivere sia un’ipoteca su un bene immobile di proprietà materiale al momento della sottoscrizione, sia su beni di altra tipologia come rendite dello Stato e beni futuri (ad esempio un’eredità non ancora incassata). Gli istituti finanziari propongono varie soluzioni di finanziamento ipotecario, che si contraddistinguono per la presenza dell’ipoteca a garanzia del prestito.

Rientrano tra i finanziamenti ipotecari:

  • il prestito vitalizio
  • il mutuo casa
  • il mutuo liquidità.

Ricordiamo infine che la principale differenza tra il prestito ipotecario e il mutuo ipotecario per l’acquisto di una casa è l’ipoteca. Di fatti, il mutuo casa non è altro che un esempio di finanziamento ipotecario sottoscritto per l’acquisto dell’immobile a garanzia. In tal caso, infatti, la banca concede il capitale solo a fronte di un’ipoteca con un valore superiore a quello dell’immobile, di solito pari al 200%.

Indice contenuti