Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Calcolo TFR online: ecco come effettuarlo

Informarsi sulle modalità di calcolo TFR online è molto importante. Questo trattamento non viene infatti corrisposto con cadenza mensile, ma matura progressivamente man mano che il rapporto di lavoro va avanti, permettendo al lavoratore di usufruire di una rendita una volta terminata la carriera o il periodo presso una determinata realtà.

Quali somme considerare per calcolare il TFR

Entriamo ora nel vivo del calcolo TFR online specificando che, ai fini della definizione dell’entità netta del trattamento di fine rapporto, è utile considerare le somme percepite dal lavoratore e caratterizzate da carattere non occasionale.

Ciò significa che bisogna prendere in considerazione anche le eventuali prestazioni in natura, come per esempio i benefit aziendali (cellulare, auto, polizza assicurativa). Non computabili ai fini del calcolo del TFR sono invece le somme occasionali, come per esempio i premi erogati dal datore di lavoro in specifiche occasioni oppure le indennità di trasferta.

A quanto ammonta il TFR?

Data questa doverosa premessa, possiamo dire che il calcolo TFR online deve essere effettuato partendo dalla retribuzione annua percepita dal lavoratore e divisa per 13,5. A questo risultato bisogna applicare una trattenuta dello 0,50% sulla retribuzione.

Per fare un esempio specifico prendiamo in esame il caso concreto di un lavoratore dipendente che, dopo un anno di lavoro, matura una retribuzione di 14.460,74€, il che implica un imponibile contributivo di 15.493,71€.

Considerando la trattenuta dello 0,50%, con le indicazioni sopra riportate si può arrivare a un TFR di 993€ circa maturato nel corso del primo anno di lavoro.

Trattamento di fine rapporto: ecco quanto è tassato

Per avere le idee chiare sul calcolo TFR online è bene approfondire anche la questione degli scaglioni IRPEF, che cambiano a seconda del reddito imponibile. Per l’anno 2016 è necessario tenere conto del seguente schema:

  • Reddito annuo uguale o inferiore a 15.000€: scaglione Irpef del 23%
  • Reddito annuo dai 15.000 ai 28.000€: scaglione Irpef del 27%
  • Reddito annuo dai 28.000 ai 55.000€: scaglione Irpef del 38%
  • Reddito annuo dai 55.000 ai 75.000€: scaglione Irpef del 41%
  • Reddito annuo dai 75.000€ in su: scaglione Irpef del 43$

Come calcolare il TFR: specifiche finali

Concludiamo questa breve guida incentrata sul calcolo TFR online specificando che la norma ha sempre preso in considerazione come utili ai fini del calcolo del TFR le retribuzioni percepite nei mesi di lavoro di durata pari o superiore ai 15 giorni.

Questa regola è stata oggetto anche di varie interpretazioni. L’orientamento giuridico più recente e attualmente considerato valido prevede che in presenza di periodi di lavoro inferiori i 15 giorni sia comunque dovuto l’accantonamento del TFR, prendendo però come punto di partenza la retribuzione percepita dal lavoratore sulla base delle singole giornate. Questa conclusione è stata raggiunta sulla base dei contenuti dell’articolo 2120 del codice civile.

Indice contenuti