Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Orari malattia statali 2016 e procedure di controllo medico fiscale

Orari malattia statali 2016: cosa dice la nuova normativa Inps

La nuova normativa Inps ha fissato gli orari malattia statali 2016 e chiarito il diritto del datore di lavoro di attivare la procedura di visita fiscale nei confronti dei dipendenti che dichiarano lo stato di malattia fin dal primo giorno. Controllo che può essere richiesto per via telematica tramite le funzionalità online a disposizione degli utenti sul portale inps.it.

Il datore di lavoro ha dunque la possibilità di richiedere all’Inps il controllo dello stato di salute dei propri dipendenti presentando la richiesta online. La visita medico fiscale può essere attivata sin dal primo giorno di malattia del dipendente, se l’assenza si verifica nelle giornate immediatamente precedenti o successive a quelle non lavorative.

Va precisato che quando si parla di giornate non lavorative, si fa riferimento sia alle feste ricordate (come Natale, Pasqua, festa della Liberazione, ecc.) ma anche a domeniche e giornate di riposo infrasettimanale conseguenti all’effettuazione di turni o servizi. Rientrano in questa categorie anche i giorni di permesso o di licenza concessi dal datore di lavoro.

Procedura e orari controllo malattia statali: le funzionalità Inps

Grazie ai servizi online dell’Inps, il datore di lavoro ha la possibilità di richiedere e disporre il controllo fiscale del suo dipendente, a prescindere che questi si dichiari in malattia per più giorni o per una sola giornata.

Una volta inoltrata la richiesta, il sistema assegna al datore di lavoro un numero di protocollo che serve ad identificare la sua richiesta, al fine di conoscerne lo stato di avanzamento in qualsiasi momento e in tempo reale.

Va precisato che come succede nel settore privato, i dipendenti pubblici e statali che si dichiarano in malattia devono rispettare delle fasce orarie predefinite. Durante le quali i lavoratori sono obbligati a rimanere a casa, o presso il domicilio indicato nel certificato di malattia, al fine di consentire il controllo medico da parte dell’ASL e della pubblica amministrazione.

Orari malattia statali 2016: le nuove fasce orarie in vigore da gennaio

In caso di mancato rispetto di tali fasce orarie, il dipendente rischia di incorrere in sanzioni e provvedimenti disciplinari, a meno che questi non possa presentare prove certe capaci di documentare la ragione della sua assenza.

Ma quali sono i nuovi orari malattia statali? Per il 2016 dipendenti pubblici e statali dovranno rispettare le seguenti fasce orarie: dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00, 7 giorni su 7.

Ricordiamo infine che sono esclusi dall’obbligo di reperibilità i dipendenti pubblici assenti dal lavoro per una delle seguenti ragioni:

  • infortuni sul lavoro
  • patologie gravi che richiedono terapie salvavita
  • stati patologici comportati o connessi a una situazione di invalidità riconosciuta
  • malattie per le quali è riconosciuta la causa di servizio.

Indice contenuti