prestiti inpdap per cure odontoiatriche
Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Guida ai prestiti Inpdap per cure odontoiatriche 2024

Le cure dentistiche sono spesso un capitolo di spesa molto doloroso, sotto tutti i punti di vista. Quando i costi incidono sui propri risparmi è possibile valutare finanziamenti destinati a questa finalità. Se il richiedente è un iscritto ex Inpdap, la principale opportunità d’accesso al credito è rappresentata dai prestiti Inpdap per cure odontoiatriche. Vediamo subito cosa offrono e come funzionano.

Prestiti Inps per dipendenti pubblici e pensionati 2024

All’interno della categoria dei prestiti Inpdap per cure odontoiatriche possiamo annoverare diverse prodotti. Sono protagonisti, in modo particolare, i Piccoli prestiti e i Prestiti pluriennali diretti.

Prima di appurare le caratteristiche di rimborso di ogni finanziamento, dobbiamo specificare che i prestiti Inpdap in realtà andrebbero definiti “ex Inpdap”. Questo ente previdenziale è stato infatti soppresso e le sue funzioni sono state trasferite all’Inps.

È quindi l’istituto nazionale della previdenza sociale l’ente che si fa carico dell’erogazione dei finanziamenti ex Inpdap (fatta eccezione dei Prestiti pluriennali garantiti).

Come funzionano i piccoli prestiti

Prestiti Inpdap per cure odontoiatriche: Piccoli prestiti. Questi non hanno come finalità esplicita le cure odontoiatriche, ma permettono di spendere la liquidità ottenuta senza vincoli. Il richiedente non è chiamato infatti a presentare alcuna motivazione oppure documenti circa le spese sostenute.

I beneficiari sono dipendenti e pensionati pubblici afferenti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Gli importi erogati partono da una mensilità del richiedente ma possono toccare le otto mensilità, a condizioni che il rimborso sia esteso a 48 mesi e non vi sia in corso il rimborso di altri prestiti.

La durata del finanziamento è inclusa tra i 12 e i 48 mesi. Per quanto attiene invece il tasso di interesse, è applicato un Tan del 4,25%. L’Istituto nazionale della previdenza sociale partica inoltre spese amministrative, che sono pari allo 0,50%, e premio fondo rischi.

Caratteristiche dei finanziamenti agevolati per cure odontoiatriche

Oltre ai piccoli prestiti, quanti sono alla ricerca di prestiti Inpdap per cure odontoiatriche possono ricorrere ai prestiti pluriennali diretti. Questi sono finanziamenti su cessione del quinto che possono essere erogati per numerose finalità (essenzialmente esigenze personali), tra cui “protesi dentarie e cure odontoiatriche riferite all’iscritto, al coniuge e ai figli a carico”.

I beneficiari sono gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Ai fini dell’accesso al credito però il richiedente deve vantare almeno 4 anni di versamento contributivo presso la suddetta Gestione e minimo 4 anni di anzianità di servizio.

Trattandosi di un prodotto su cessione del quinto la rata non può andare oltre il limite di 1/5 dell’assegno mensile. Due sono le opzioni di durata: quinquennale o decennale (60 oppure 120 rate mensili).

Il piano di ammortamento prevede rate a cadenza mensile che vengono computate in rapporto a un tasso nominale annuo corrispondente al 3,50%. Vi sono anche in questo caso spese amministrative e premio fondo rischi.

Importo finanziabile e rimborso

Nel caso specifico dei prestiti pluriennali per è prevista una durata di 5 anni. La somma massima finanziabile viene definita nei limiti delle spese preventivate in sede di domanda. Ribadiamo che, trattandosi di un prestito pluriennale, il tasso d’interesso applicato è pari al 3,5%.

Presentazione della domanda

La domanda di prestito pluriennale deve essere inviata per telematizzata, i dipendenti in attività di servizio tramite l’Amministrazione di appartenenza mentre i pensionati devono utilizzare l’apposito servizio online.

Il modulo di domanda può essere scaricato direttamente dal sito ufficiale dell’Inps, in formato Pdf. Il percorso da seguire è: “Home – Prestazioni e Servizi – Tutti i moduli – Gestione Dipendenti Pubblici – Iscritto/Pensionato – Prestazioni creditizie e sociali”.

Alla richiesta è necessario inoltre allegare:

  • un’autocertificazione dello stato di famiglia;
  • un preventivo dettagliato rilasciato dagli specialisti in cui sono indicate le cure da effettuare e le relative spese.

Come effettuare il calcolo rata

Quanti desiderano orientarsi al meglio nell’offerta dei prestiti Inps ex Inpdap dedicati a dipendenti e pensionati pubblici possono sfruttare l’apposito servizio di simulazione online. Per raggiungerlo è sufficiente collegarsi con il sito ufficiale dell’Inps e seguire il percorso: “Home – Prestazioni e Servizi – Gestione dipendenti pubblici: simulazione calcolo piccoli prestiti e prestiti pluriennali”.

L’applicazione consente di conoscere tutti i dettagli dei finanziamenti accessibili all’utente, sia piccoli prestiti che prestiti pluriennali. Una volta raggiunto il servizio per la simulazione, sarà sufficiente inserire nel form di calcolo la data di nascita dell’utente e l’importo dello stipendio percepito.

Per maggiori informazioni vi rimandiamo al portale inpdapprestiti.it

Indice contenuti