Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Tassi Inpdap mutui 2016: le regole in vigore

Tasso Inpdap mutuo prima casa

Ogni anno la Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps eroga linee di credito a condizioni agevolate in favore di dipendenti e pensionati pubblici. Tra questi troviamo i mutui Inpdap Inps, concessi per l’acquisto o la ristrutturazione della prima casa. Periodicamente l’Inps stabilisce i tassi Inpdap mutui, ossia i tassi applicati ai mutui ipotecari.

I mutui Inpdap Inps sono concessi solo per tre categorie di interventi:

  • acquisto o costruzione della prima casa;
  • acquisto o costruzione di un box o posto auto;
  • esecuzione di lavori di ristrutturazione, manutenzione, adattamento, ampliamento o trasformazione della prima casa.

L’importo finanziabile varia a seconda della finalità del mutuo, tuttavia non è possibile superare il limite di 300 mila euro.

Nuovi tassi mutui Inpdap fisso e variabili

Per quanto riguarda le condizioni contrattuali, il richiedente può scegliere di sottoscrivere un mutuo a tasso fisso o agevolato. Nel primo caso è previsto un tan del 2,95%, mentre scegliendo un mutuo a tasso variabile il tan è pari all’Euribor a 6 mesi maggiorato di 200 punti base. Per la definizione dei tassi Inpdap mutui fede il valore dell’Euribor rilevato al 30 giugno o al 31 dicembre del semestre precedente alla sottoscrizione del contratto.

Il rimborso del mutuo avviene con un piano di ammortamento a rate semestrali costanti e posticipate e la durata del mutuo può andare dai 10 ai 30 anni. Fanno però eccezione gli iscritti che, alla presentazione della domanda, hanno già compiuto il 65esimo anno di età, per i quali la durata massima richiedibile è pari a 15 anni.

Il mutuatario può inoltre richiedere la modifica tassi Inpdap mutui, per passare da fisso a variabile e viceversa. Richiesta che però può essere avanzata una sola volta durante il periodo di ammortamento e solo a condizione che siano decorsi almeno due anni dal perfezionamento del contratto di mutuo.

Mutui Inpdap tassi di interesse: come presentare domanda

Ma come ottenere i mutui Inps Inpdap? Ai fini dell’accesso al credito, è necessario essere iscritti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali da almeno un anno. Allo stesso tempo è fondamentale che l’iscritto e gli altri componenti del suo nucleo familiare non siano proprietari di nessun’altra abitazione sul territorio italiano.

La domanda, con allegata tutta la documentazione indicata dal Regolamento Mutuo Inps, va inviata nelle finestre temporali stabilite dall’Istituto, ossia dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre di ogni anno.

Va precisato inoltre che l’inoltro delle domande può avvenire esclusivamente per via telematizzata. Si ricorda infine che le tutte le domande con documentazione incompleta verranno rigettate.

Indice contenuti