Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti Inpdap fino a 90 anni tassi e importi finanziabili

Come ottenere prestiti a pensionati oltre 85 anni

L’accesso al credito è ormai una necessità per molti contribuenti, non solo tra i più giovani, ma anche pensionati in età avanzata. Con la crisi economica infatti sono sempre di più le persone che si trovano a dover richiedere un finanziamento. Ragione per cui la gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps eroga prestiti Inpdap fino a 90 anni.

I pensionati in età avanzata hanno infatti la possibilità di accedere al credito a condizioni agevolate grazie all’Inps. Nell’offerta prestiti Inpdap fino a 90 anni possiamo infatti annoverare sia i prestiti diretti Inpdap che alcune soluzioni di prestiti concessi da banche convenzionate con l’Inps.

Le condizioni applicate da banche e finanziarie possono variare e sui portali ufficiali vi sono poche informazioni in merito. Ragione per cui in questo articolo ci concentreremo sui prestiti Inpdap diretti accessibili anche a pensionati fino a 90 anni. Vediamo di cosa si tratta.

Prestiti su cessione del quinto Inps

Quanti sono in avanti con l’età hanno la possibilità di ottenere sia i piccoli prestiti che i prestiti pluriennali Inps ex Inpdap. I primi rientrano nella categoria dei prestiti personali e hanno una durata che va un minimo di 12 a un massimo di 48 mesi.

Come si evince dal nome, i piccoli prestiti prevedono la concessione di somme relativamente basse. L’importo finanziabile viene infatti definito sulla base del reddito percepito dal richiedente. Si va da una a otto mensilità di pensione netta percepite dal richiedente.

I prestiti pluriennali diretti invece sono prodotti finalizzati. Sono concessi per far fronte a specifiche necessità contemplate dal Regolamento Prestiti Inps. La somma finanziabile viene definita in base alla finalità del prestito. Il piano di ammortamento può estendersi per 5 o 10 anni.

Tassi e spese dei prestiti pensionati Inpdap

Passiamo quindi alla questione dei tassi di interesse. I piccoli prestiti prevedono un Tan fisso al 4,25% mentre per i finanziamenti pluriennali il tasso è del 3,5%.

Oltre al tasso di interesse, i beneficiari dei prestiti Inpdap fino a 90 anni devono far fronte anche alle spese di amministrazione e al pagamento del premio per il Fondo Rischi Inps. Le spese di amministrazione sono calcolate con un’aliquota dello 0,5%.

Per il Fondo Rischi Inps invece sono previste diverse aliquote in base alla durata del finanziamento e all’età del richiedente. Per conoscere tutte le aliquote previste dall’Inps è possibile consultare la relativa tabella, allegata alla fine del Regolamento Prestiti Inps.

Indice contenuti