Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Novità Tassi Piccoli prestiti Inpdap 2019: Cosa Cambia

Il tasso di interesse è uno degli aspetti più rilevanti per chi è alla ricerca di un finanziamento. Non è il solo elemento in grado di definire la convenienza di una linea di credito, ma rappresenta un punto di riferimento da cui partire. Motivo per cui i tassi Piccoli prestiti Inpdap 2019 sono un fattore essenziale da esaminare per dipendenti e pensionati pubblici interessati a questa offerta. Vediamo le ultime novità.

Prestiti per dipendenti pubblici: Piccolo prestito e Pluriennale

Quelli che verranno trattati nel nostro approfondimento sono i prestiti Inpdap Inps diretti. Si tratta delle linee di credito curate dall’Inps e non da banche o finanziarie convenzionate con l’ente previdenziale.

I prestiti diretti corrispondono a due linee di credito, ovvero il Piccolo prestito e il Prestito pluriennale diretto. Vedremo entrambi i tassi piccoli prestiti Inpdap aggiornati e le modalità di calcolo del piano di ammortamento.

Prima di addentrarci nel merito del tasso è necessaria una breve premessa, sia il Piccolo prestito che il Pluriennale sono finanziamenti rivolti a dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

I requisiti variano comunque in relazione al finanziamento esaminato. Sono inoltre prestiti con caratteristiche sensibilmente diverse per l’utilizzo e la durata.

Tassi prestiti Inpdap 2019 aggiornati

Ma veniamo alla questione tassi piccoli prestiti Inpdap. Per il Piccolo prestito è prevista l’applicazione di un tasso fisso corrispondente al 4,25% mentre quanti scelgono il Pluriennale avranno una rata calcolata rispetto a un TAN fisso del 3,50%.

Va tenuto presente però che i piani di rimborso sono molto diversi dal punto di vista della durata. Per il Piccolo prestito il rimborso è articolato in 12, 24, 36 o 48 rate mensili.

Il Pluriennale invece prevede un rimborso in cinque o dieci anni. Quest’ultimo implica inoltre un utilizzo vincolato dalle finalità indicate dal Regolamento Inps. Tra gli impieghi troviamo l’acquisto e costruzione della prima casa, come l’acquisto auto e le cure dentistiche.

Il Piccolo prestito non prevede un particolare impiego, si tratta di una linea di credito ideale per chi ha bisogno di gestire spese quotidiane e imprevisti.

Simulazione prestiti Inpdap online

Sul portale ufficiale dell’ente previdenziale, inps.it, è presente la funzionalità di calcolo dei Piccoli prestiti e dei Prestiti pluriennali. Per conoscere tutte le operazioni che servono per eseguire la simulazione online vi invitiamo a consultare il nostro approfondimento.