Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Guida ai prestiti Inpdap acquisto casa figli: condizioni, requisiti e domanda

Come ottenere un prestito Inpdap per acquisto casa figlio

I prestiti Inpdap sono linee di credito a condizioni agevolate pensate per aiutare i dipendenti e pensionati pubblici che si trovano a dover richiedere un finanziamento. dal 2011 l’Inpdap ha introdotto la possibilità di richiedere prestiti Inpdap acquisto casa figli.

Si tratta di finanziamenti che rientrano nella categoria dei prestiti pluriennali, linee di credito a condizioni agevolate pensate per affrontare spese importanti. I prestiti pluriennali vengono concessi solo per una delle finalità ammesse dall’Inps. Finalità che sono indicate nel Regolamento Prestiti Inpdap, presente sul sito ufficiale dell’Inps.

Importo finanziabile, rimborso e tasso 2018

La somma finanziabile e la durata dell’ammortamento (5 o 10 anni) variano a seconda della ragione per cui si richiede il prestito pluriennale. Nel caso dei prestiti Inpdap acquisto casa figli è possibile ottenere somme fino a un massimo di 150 mila euro.

Il rimborso avviene con un piano di ammortamento che si estende per 10 anni. Le rate hanno cadenza mensile e il tasso di interesse è fisso al 3,5%. Sull’importo lordo della prestazione si applica anche un’aliquota dello 0,5% per le spese di amministrazione.

In ogni caso, l’importo del prestito Inpdap per acquisto casa figli non può eccedere il costo complessivo della casa per cui si richiede il finanziamento.

Chi può ottenere il finanziamento

Ma chi può ottenere un prestiti Inpdap acquisto casa figli? Poiché rientrano nella categoria dei prestiti pluriennali, per ottenere questi finanziamenti è necessario soddisfare tutti i requisiti fissati per questi prodotti.

È necessario innanzitutto che il richiedente sia un dipendente o un pensionato pubblico iscritto alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Non solo. Ai fini dell’accesso al credito il richiedente deve poter contare su almeno 4 anni di anzianità di servizio e minimo 4 anni di contributi versati presso la Gestione unitaria dell’Inps.

Per ottenere un prestito Inpdap per l’acquisto della casa di un figlio è necessario inoltre che il titolare dell’acquisto della casa sia il figlio del dipendente o pensionato pubblico che presenta la domanda. Il figlio deve inoltre essere maggiorenne e la casa oggetto dell’acquisto deve essere destinata a sua residenza.

Il Regolamento Prestiti Inpdap chiarisce inoltre che questi finanziamenti sono concessi solo nel caso in cui il figlio dell’iscritto Inps che richiede il prestito desideri costituire un proprio nucleo familiare, indipendente da quello dei suo genitori.

La domanda online

La richiesta di finanziamento deve essere trasmessa per via telematizzata. I dipendenti pubblici trasmettono la domanda per il tramite dell’Amministrazione di appartenenza.

Per i pensionati invece è presente un servizio online che consente di inviare la domanda autonomamente. In alternativa è possibile, per i pensionati, inviare la richiesta ricorrendo all’assistenza del Contact center Inps, oppure di un patronato abilitato dall’ente previdenziale.

Alla richiesta vanno allegati tutti i seguenti documenti:

  • Copia autenticata dell’atto notarile di compravendita della casa, che sia registrato oppure in corso di registrazione.
  • Certificato medico attestante la sana e robusta costituzione del richiedente.
  • Autocertificazione dello stato di famiglia.
  • Autocertificazione in cui si attesta il rapporto di parentela tra il richiedente e il figlio, se questo non risulta compreso nello stato di famiglia.