Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti pluriennali dipendenti ex Inpdap, guida all’offerta Inps

La scelta del finanziamento è un passaggio molto delicato, influenzato da numerosi aspetti: dalla condizione lavorativa all’importo, passando per tassi, durata e spese legate al prestito. Oggi scopriamo perché conviene stipulare i prestiti pluriennali dipendenti ex Inpdap.

Prestiti Inps ex Inpdap: i requisiti per ottenerli

Il punto forte dei Prestiti pluriennali dipendenti ex Inpdap è senza dubbio la competitività dei tassi, ma prima di verificare le caratteristiche contrattuali è indispensabile chiarire chi sono i beneficiari.

Stiamo parlando dei Prestiti pluriennali diretti (Prestiti pluriennali diretti Gestione Pubblica), una opportunità indicata per dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Vi sono particolari requisiti da tenere presenti: come prima condizione ci sono quattro anni di anzianità di servizio e altrettanti di contributi forniti alla Gestione unitaria.

I lavoratori che risultano assunti con un contratto a tempo determinato sono chiamati a rispondere a ulteriori requisiti:

  • il contratto lavorativo deve essere di almeno tre anni;
  • quando è attivo il finanziamento deve esserlo anche il contratto lavorativo;
  • il TFR va ceduto come garanzia di rimborso.

Prestiti pluriennali Inpdap tasso nominale annuo e durata

Per la durata del rimborso vi sono due soluzioni: cinque o dieci anni. È previsto un piano di ammortamento su cessione del quinto, la rata non può superare il 20% dello stipendio o della pensione del beneficiario.

La rata è calcolata in relazione a tre altri fattori essenziali: il tasso nominale annuo che è pari al 3,50%, oneri di tipo amministrativo (0,50%) e il premio fondo rischi.

Prestiti Inpdap, cessione del quinto: le finalità

La richiesta d’accesso al credito deve inoltre rispettare il Regolamento Inps che stabilisce le varie finalità previste. Tra queste abbiamo:

  • manutenzione e ristrutturazione dell’abitazione;
  • acquisto dell’automobile, dall’abitazione (o la sua costruzione);
  • riscatto alloggi popolari.

Per quanto riguarda le procedure da seguire, il richiedente deve far riferimento al sito inps.it, all’interno del quale dovrà selezionare il servizio “Domande web Prestiti Pluriennali”.

Prestiti Inps per dipendenti pubblici e modulistica

La procedura differisce però a seconda del soggetto coinvolto. I dipendenti devono infatti cooperare con l’amministrazione di riferimento. I pensionati invece vanno a utilizzare autonomamente le funzionalità del sito inps.it.

Per ottenere il finanziamento è indispensabile scaricabile i moduli Inps che potete trovare nella nostra pagina Modulistica Prestiti Inpdap.

Indice contenuti