Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestito Inpdap per estinzione anticipata mutuo: cos’è e come ottenerlo

Come funzionano i prestiti Inpdap per estinzione mutuo

Col passare del tempo le rate del mutuo possono diventare molto pesanti e in certi casi addirittura non sostenibili. Sono molti infatti gli italiani che decidono di sottoscrivere un prestito per estinzione mutuo. Situazione in cui i dipendenti pubblici sono avvantaggiati rispetto alle altre categorie di contribuenti, poiché possono ricorrere al prestito Inpdap per estinzione anticipata mutuo ipotecario.

Il prestito Inpdap per estinzione anticipata mutuo rientra nella categoria dei prestiti pluriennali ex Inpdap. Linee di credito a condizioni agevolate concesse esclusivamente a fronte di documentate necessità rientranti nelle casistiche previste dal Regolamento Prestiti Inps, tra cui figura appunto l’estinzione di un mutuo ipotecario in corso.

Prestito Inpdap per estinzione mutuo: requisiti e condizioni contrattuali

Ma chi può richiedere il finanziamento? Possono ottenere il prestito Inpdap per estinzione anticipata mutuo tutti i dipendenti e i pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali dell’Inps, un particolare fondo credito attraverso il quale sono erogati i prestiti ex Inpdap.

Ai fini dell’accesso al credito è necessario inoltre poter vantare almeno 4 anni di versamenti contributivi presso la suddetta Gestione e minimo 4 anni di anzianità di servizio utile ai fini della pensione.

Il prestito Inpdap per estinzione anticipata mutuo ha una durata di 10 anni e prevede la concessione di una somma corrispondente a quella necessaria per estinguere il finanziamento in corso. Il tasso di interesse è del 3,5%.

Sull’importo lordo del prestito si applicano inoltre una quota per il premio per il fondo di garanzia dell’Inps e un’aliquota per le spese di amministrazione dello 0,5%. Il rimborso del credito avviene con un piano di ammortamento a rate mensili, decurtate direttamente dalla pensione o dallo stipendio del richiedente.

L’importo della rata mensile non può superare la quinta parte dello stipendio o della pensione percepita dal richiedente al netto delle tasse. La restituzione del credito inizia il secondo mese successivo alla concessione del prestito.

Come richiedere i prestiti Inpdap per estinzione mutuo 2017

La domanda di finanziamento deve essere redatta sull’apposito modulo (disponibile online nella sezione Modulistica del sito Inps) e presentata per via telematizzata. I dipendenti pubblici possono rivolgersi all’Amministrazione di appartenenza, mentre i dipendenti pubblici devono ricorrere all’apposito servizio per l’invio della domanda online.

Alla domanda di prestito vanno inoltre allegati i seguenti documenti:

  • l’atto di mutuo;
  • il titolo di proprietà dell’immobile su cui si è iscritta l’ipoteca;
  • un’autocertificazione dello stato di famiglia del richiedente.

Il richiedente deve inoltre presentare una dichiarazione dell’istituto che ha concesso il mutuo, in cui si attesta l’importo necessario per l’estinzione anticipata e i dati dell’immobile.