Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Guida Cessione del Quinto Pensionati Inps le Offerte 2017

Rappresenta una delle modalità di finanziamento più richieste eppure non tutti ne conoscono le caratteristiche e le relative possibilità di risparmio. La cessione del quinto pensionati Inps corrisponde a una serie di proposte agevolate di finanziamento. Scopri come funziona, cosa offre e i migliori prestiti 2017.

Come funziona la cessione del quinto

Vediamo anzitutto cos’è la cessione del quinto e passiamo poi alle particolari convenzioni stipulate dall’Inps che permettono ai pensionati di usufruire di un accesso al credito concorrenziale.

La cessione del quinto è un finanziamento che implica l’addebito in modo automatico delle rate. Queste sono soggette a uno specifico vincolo, che dà del resto il nome al prestito stesso: ogni rata non può eccedere la soglia di 1/5 della pensione considerata al netto di ogni ritenuta di legge.

C’è un altro vincolo da tener in considerazione, inerente la durata: questa non può superare i 120 mesi, ovvero 10 anni. Perché il titolare del prestito possa ottenerlo è indispensabile inoltre la stipula di una assicurazione che interviene a fronte di eventi straordinari.

Chi può ottenere credito

A chi è rivolta la cessione del quinto pensionati Inps? Si tratta di una possibilità destinata essenzialmente a tutti i pensionati Inps, inclusi quelli ex Inpdap.

Chi non può ottenere la cessione del quinto pensionati Inps? Ci sono specifiche categorie che non possono conseguire questo finanziamento. Risultano esclusi i seguenti trattamenti pensionistici:

  • pensioni e assegni sociali;
  • invalidità civile;
  • assegni mensili per l’assistenza ai pensionati per inabilità;
  • assegni di sostegno al reddito;
  • assegni al nucleo familiare;
  • pensioni con contitolarità per la quota parte non di pertinenza del soggetto richiedente la cessione;
  • prestazioni di esodo ex art. 4.

Come ottenere il finanziamento

Analizziamo quindi un altro aspetto di grande importanza per chi ha bisogno di richiedere la cessione del quinto pensionati Inps: quali sono i documenti indispensabili?

Perché possa ricevere il finanziamento il pensionato deve disporre della comunicazione di cedibilità della pensione. È un documento fornito dall’Istituto di previdenza, basta rivolgersi a una sede competente.

L’importanza di questa comunicazione deriva dal fatto che indica il valore massimo che può assumere la rata. Andrà fornita all’ente erogatore, considerato come banca o finanziaria, incaricato della fornitura del finanziamento.

Se però il pensionato sceglie la sottoscrizione di un contratto di finanziamento con un ente che ha definito la convenzione con l’Inps, la comunicazione sarà gestita direttamente tra banca e Istituto.

C’è poi da considerare che, elemento per molti il più rilevante, la convenzione permette di godere di tassi molto concorrenziali.

Quali sono gli altri documenti di cui deve disporre il pensionato? L’utente dovrà presentare una fotocopia del proprio documento di identità, cui vanno ad aggiungersi codice fiscale, il modello ObisM, l’ultimo cedolino della pensione nonché il cud.

Se esaminiamo la questione in merito ai passaggi da seguire per procedere con la richiesta, l’utente dovrà anzitutto inoltrare la domanda di finanziamento all’istituto di credito di suo gradimento.

Spetta poi all’Inps corrispondere all’ente erogatore del prestito la rata operando una trattenuta diretta dalla prestazione pensionistica.

Modalità di calcolo

Come viene computata la cessione del quinto pensionati Inps? Il calcolo si verifica alla luce della pensione netta. La rata non può superare il valore di 1/5 del trattamento pensionistico.

In valore assoluto quindi non vi è un vincolo massimo per la rata ma tutto dipende dal valore della pensione stessa. In ogni caso la pensione residua, una volta sottratta la rata, non può collocarsi al di sotto della pensione minima. Questa è definita con cadenza annuale.

È chiaro quindi che chi dispone esclusivamente della pensione minima non ha modo di fruire della cessione del quinto. Ipotizzando una pensione netta di 1.000 euro invece, avremo una rata massima di 200 euro. La pensione residua di 800 euro è maggiore alla quota di salvaguardia (che per il 2017 corrisponde a 501,89 euro).

I migliori prestiti su cessione del quinto Inps 2017

E veniamo infine alle proposte di cessione del quinto pensionati Inps 2017. Findomestic non prevede alcuna commissione di intermediazione e gestione pratica, non vi sono neppure imposte di bollo e spese di istruttoria.

Per un finanziamento da 12mila euro da rimborsare in dieci anni, ossia 120 mesi, sarà applicata una rata di 136 euro. Questa è il risultato di un Taeg pari al 6,65%.

Potrete in alternativa considerare la proposta presentata da IBL Banca, altra banca che gode della convenzione Inps. Il piano di rimborso va da 24 a 120 mesi, non sono contemplati oneri di intermediazione ed è consentita l’estinzione anticipata nonché il rinnovo anticipato.

C’è poi da valutare la Cessione del quinto della pensione Compass. Vi sono tassi interessanti grazie alla convenzione Inps. Si tratta di un’opportunità destinata anche a chi ha più di 70 anni (l’età non può superare gli 85 anni al termine del rimborso). Le somme invece raggiungono i 75mila euro. La pensione rappresenta l’unica garanzia prevista per conseguire la linea di credito.

L’offerta Prestiti Inps ex Inpdap

Vi sono poi altre proposte accordate direttamente dall’Inps. Basti pensare ai Prestiti ex Inpdap. Ci stiamo riferendo in particolare al Piccolo prestito Gestione Pubblica e al Prestito Pluriennale diretto Gestione Pubblica.

In entrambi i casi a godere di questi prodotti sono dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Il Piccolo prestito prevede un rimborso che varia da 12 a 48 mesi a fronte di un tasso nominale annuo pari al 4,25%.

Il Prestito pluriennale è un finanziamento su cessione del quinto con un rimborso che si articola in cinque o dieci anni e viene applicato un TAN del 3,50%.

Per maggiori informazioni sui prestiti per pensionati vi consigliamo di consultare la nostra pagina dedicata.