Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come funzionano i prestiti tra privati, sono prodotti sicuri?

Chiedersi come funzionano i prestiti tra privati è fondamentale. Per quale motivo? Perché, soprattutto quando si hanno poche garanzie per via della giovane età o per il fatto di essere stati appena assunti, non sempre le banche concedono credito in maniera agevole.

Prestiti tra privati: informazioni generali

Per capire come funzionano i prestiti tra privati è necessario ricordare che, sulla base dell’ordinamento giuridico italiano, rappresentano alternative assolutamente legali (due soggetti privati possono in qualsiasi momento sottoscrivere un contratto di prestito).

Esistono però dei contro, che sono legati al fatto che questa modalità di prestito non sempre prevede un livello di sicurezza sufficiente per quanto riguarda la solvibilità.

Alla luce di tale aspetto è quindi consigliabile rivolgersi a broker online specializzati.

Come funzionano i prestiti tra privati: cosa sapere sui broker online

Quando si parla di come funzionano i prestiti tra privati è bene ricordare l’esistenza dei broker specializzati online, portali che gestiscono le interazioni e che permettono a chi ha intenzione di richiedere denaro di accedere al credito in maniera rapida.

Ovviamente esistono garanzie anche per i prestatori, dal momento che non tutti vengono accettati come debitori. Per registrarsi a portali come Prestiamoci e Smartika è infatti necessario soddisfare specifici requisiti. Quali sono? Prima di tutto un requisito anagrafico (in generale i prestiti tra privati sono accessibili a soggetti di età compresa tra i 18 ei 70/75 anni) e, in seconda istanza, requisiti riguardanti la capacità reddituale e l’affidabilità creditizia.

Prestiti tra privati italiani: l’esempio di Smartika

Per capire meglio come funzionano i prestiti tra privati è utile fare un esempio specifico, chiamando in causa le principali caratteristiche dei prestiti di Smartika, uno dei broker online specializzati più celebri.

Questo portale consente a soggetti privati di richiedere prestiti compresi tra i 1.000 e i 15.000€ e di restituire il tutto con piani di ammortamento che possono durare dai 12 ai 48 mesi (fondamentale è ricordare che non esiste contatto diretto tra prestatori e richiedenti).

Come funzionano i prestiti su Smartika?

Continuiamo a parlare di come funzionano i prestiti tra privati entrando nel dettaglio delle opzioni di Smartika. Come si richiede un prestito su questo portale? Dopo aver caricato la documentazione e aver perfezionato l’iscrizione è possibile procedere alla richiesta direttamente online, senza bisogno di recarsi presso nessun ufficio.

Per entrare nel dettaglio del funzionamento dei prestiti ipotizziamo la scelta di richiederne uno da 5.000€, da rimborsare in un lasso di tempo di 36 mesi. In questo caso a carico del beneficiario ci sarebbe una rata base di 158,90€, con TAEG pari rispettivamente al 6,5%.

Il totale da rimborsare risulta quindi pari a 5,792,24€. Scegliendo di non avvalersi dell’opzione dell’assicurazione la rata base mensile scende a 152,34€, il TAEG al 6,3% e la somma complessiva da rimborsare risulta pari a 5.556,29€.

Indice contenuti