Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti online per cattivi pagatori: come funzionano

La richiesta di accesso al credito in caso di problemi creditizi è una situazione molto frequente. In queste situazioni è possibile far fronte a prestiti online per cattivi pagatori, prodotti che le società finanziarie e gli istituti di credito mettono a disposizione dei segnalati alla Crif.

Prestiti per cattivi pagatori: la cessione del quinto

I prestiti online per cattivi pagatori comprendono diverse tipologie di prodotti. Quali sono? Tra i più celebri è possibile ricordare la cessione del quinto dello stipendio e della pensione. Questa formula di accesso al credito è messa a disposizione da tantissime realtà creditizie, che consentono di richiederla anche online.

Si tratta di un prodotto che si basa sulla trattenuta della quinta parte dello stipendio o dell’assegno pensionistico – non è possibile richiederla in caso di pensioni sociali, pensioni d’invalidità, assegni mensili erogati per l’assistenza a pensionati non autosufficienti – e che prevede il rimborso tramite rate contraddistinte da un tasso fisso per tutta la durata del finanziamento.

Tra le realtà creditizie che mettono a disposizione il prodotto in questione è possibile ricordare Compass, Poste Italiane, Findomestic, Unicredit, Banca Intesa.

Prestiti per cattivi pagatori e protestati: ecco cosa sapere

Tra le altre tipologie di prestiti online per cattivi pagatori è possibile ricordare i prestiti cambializzati, offerti da realtà creditizie importanti come Agos – si tratta di prestiti che stanno riacquistando popolarità dopo diverso tempo – e da società finanziarie che operano a livello locale.

I prestiti cambializzati, come è chiaro dal nome stesso, si basano sul versamento di cambiali che il richiedente è tenuto a onorare rispettando una scadenza stabilita in sede di sottoscrizione del contratto.

Si tratta di prestiti personali caratterizzati da un tasso fisso per tutta la durata del finanziamento e da un interesse più alto rispetto a quelli tradizionali, proprio per il rischio legato alla possibilità di richiesta da parte di chi non ha una busta paga o è segnalato alla Crif.

Prestiti per segnalati alla Crif: come sanare la propria posizione

I prestiti online per cattivi pagatori sono un’alternativa vantaggiosa per i segnalati in Crif, ma è bene considerare anche le modalità per sanare la propria posizione creditizia. Quali sono? Il primo passo al proposito riguarda la richiesta della visura alla Crif, che viene fornita tramite raccomandata.

Su questo documento vengono elencate tutte le peculiarità della situazione creditizia del singolo soggetto aziendale o della persona fisica. Dopo aver ricevuto la visura è possibile scegliere se pagare o meno. Da ciò dipendono i tempi di cancellazione dalla Crif.

Ecco le regole da seguire in merito:

  • Ritardo di 1/2 rate: possibilità di richiedere la cancellazione dalla Crif dopo un anno dalla regolarizzazione del pagamento
  • Ritardo nel pagamento di 2 o più rate: possibilità di richiedere la cancellazione dalla Crif dopo due anni dalla regolarizzazione del pagamento
  • Mancato pagamento: possibilità di richiedere la cancellazione dalla Crif dopo tre anni dalla scadenza naturale del finanziamento

Indice contenuti