Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Tutti i vantaggi del mutuo Inpdap 100 per cento prima casa

Mutuo Inpdap al 100% per acquisto casa

I mutui al 100% sono prodotti piuttosto rari nel mercato dei finanziamenti, poiché prevedono la concessione di un finanziamento che copra il costo totale dell’acquisto della casa. I dipendenti e pensionati pubblici hanno però la possibilità di ottenere mutui al 100% a condizioni agevolati. Stiamo parlando del mutuo Inpdap 100 per cento.

Nonostante la soppressione dell’Inpdap infatti quanti fanno riferimento al comparto pubblico possono ancora beneficiare delle linee di credito agevolate concesse dall’ente. Tra queste spicca il mutuo ipotecario Inpdap, finanziamento concesso dall’ente previdenziale per l’acquisto o la costruzione della prima casa, o per altre finalità attinenti alla prima casa.

In seguito alla soppressione dell’Inpdap, i mutui agevolati per dipendenti e pensionati pubblici sono passati di competenza dell’Inps. Al fine di amministrare e concedere questi finanziamenti l’Istituto ha creato un apposito ufficio, la Gestione Dipendenti Pubblici.

Importi e condizioni mutui Inpdap 2018

L’importo finanziabile del mutuo Inpdap 100 per cento varia a seconda della ragione per cui si presenta la domanda. I finanziamenti per l’acquisto, la costruzione della prima casa consentono di ottenere fino a 300 mila euro.

Tra le finalità previste per il mutuo Inpdap 100 per cento troviamo anche l’ampliamento o il completamento su terreno di proprietà, sempre di un’abitazione che sia destinata a diventare la residenza del mutuatario e del suo nucleo familiare.

Ai fini dell’accesso al credito è necessario che l’immobile oggetto di finanziamento non possa essere considerato abitazione di lusso ai sensi del decreto ministeriale n. 1072 del 2 agosto 1969. Come già accennato, la casa deve costituire la residenza del mutuatario. In mancanza di questi requisiti il finanziamento non viene concesso.

È possibile richiedere anche i mutui Inpdap per la ristrutturazione o la manutenzione della casa. In tal caso l’importo massimo finanziabile è pari a 150 mila euro. Tra le finalità contemplate dal Regolamento Mutui Inpdap ricordiamo anche l’acquisto o costruzione di un posto auto o di un box auto.

Analizzando l’offerta mutuo Inpdap 100% è necessario ricordare che la somma erogabile non può mai superare il valore attribuito all’immobile in sede di perizia estimativa né il prezzo di acquisto che è stato dichiarato nell’atto di compravendita.

Il rimborso avviene in 10, 15, 20, 25 o 30 anni. Il tasso può essere fisso o variabile e le rate hanno cadenza semestrale. Quanti optano per un mutuo con interesse variabile hanno si vedranno applicare un Tan pari al valore dell’Euribor a 6 mesi, maggiorato di 200 punti base.

Per i mutui a tasso fisso invece il Tan viene definito in base al loan to value, ossia sulla base del rapporto tra il valore del mutuo e quello dell’immobile.

Surroga mutuo Inpdap

Ricordiamo che quanti hanno in corso un mutuo ipotecario per l’acquisto della prima casa possono surrogarlo presso l’Inpdap. Opportunità che però prevede il soddisfacimento di alcuni requisiti. Primo su tutti il fatto di essere dipendenti o pensionati pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo credito Inps).

Affinché venga concessa la surroga è necessario inoltre che il finanziamento in corso sia stato sottoscritto per una delle finalità previste dall’Inps per la concessione dei mutui ex Inpdap. Ricordiamo infine che surrogando il mutuo in corso il dipendente o pensionato pubblico potrà beneficiare delle condizioni agevolate applicate ai mutui Inpdap.

Per maggiori informazioni sui vantaggi del mutuo inpdap 100 per cento vi invitiamo a consultare il portale ufficiale dell’Inps.