Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Guida ai prestiti Inpdap decennali a tasso di interesse agevolato

Guida ai prestiti decennali Inpdap 2018

Grazie alla loro posizione previdenziale e lavorativa, pensionati e dipendenti pubblici hanno accesso ai prestiti Inps ex Inpdap agevolati. Linee di credito che garantiscono la possibilità di accedere al credito a un tasso di interesse. Tra questi troviamo i prestiti Inpdap decennali.

I prestiti ex Inpdap si distinguono in due categorie di prodotti, i piccoli prestiti e i prestiti pluriennali. I primi sono prodotti di breve durata che consentono di ottenere somme relativamente basse, mentre i finanziamenti pluriennali sono pensati per affrontare spese importanti.

Nello specifico, i prestiti pluriennali possono durare 5 o 10 anni. Quando si parla di prestiti decennali quindi si fa riferimento ai prestiti pluriennali Inps ex Inpdap di durata decennale. Finanziamenti che sono pensati per far fronte a spese importanti.

Finalità Inpdap prestiti decennali per dipendenti e pensionato

Ricordiamo che importo e durata dei prestiti pluriennali variano a seconda della finalità. Finalità che deve obbligatoriamente rientrare tra quelle previste dal Regolamento Prestiti Inpdap.

Ai fini dell’accesso al credito infatti è necessario che quanti richiedono prestiti Inpdap decennali debbano far fronte a spese rientranti tra quelle previste dal Regolamento. Per le spese meno importanti è previsto un rimborso in 5 anni, mentre per quelle più elevate si può beneficiare di rimborsi in 10 anni.

Di conseguenza, i prestiti decennali sono pensati per affrontare spese particolarmente importanti. Riportiamo di seguito le finalità per le cui è possibile richiedere finanziamenti Inpdap di durata decennale.

  • Acquisto della prima casa.
  • Riscatto di alloggi popolari o di alloggi di enti pubblici già in locazione.
  • Costruzione della prima casa.
  • Acquisizione di casa in cooperativa o da una cooperativa costituita da locatari di case di enti pubblici e in corso di dismissione.
  • Interventi di restauro e risanamento conservativo, manutenzione straordinaria e ristrutturazione edilizia della casa di proprietà.
  • Riduzione o estinzione anticipata di un mutuo ipotecario sottoscritto, a qualunque titolo, con istituti di credito dal richiedente o dal coniuge.
  • Gravi malattie di membri del nucleo familiare del richiedente.

Oltre alle finalità sopra citate, è possibile ottenere anche prestiti Inpdap decennali per far fronte a spese eccezionali e socialmente rilevanti tali da richiedere un notevole impegno economico.

Importo e rimborso

L’importo finanziabile viene definito in base al reddito del richiedente e alla finalità del prestito. Quanto detto tenendo conto dei limiti fissati dal Regolamento Prestiti Inps, che prevede tetti di importo per alcune delle finalità previste.

Il rimborso avviene in 10 anni e prevede rate a cadenza mensile. Il tasso di interesse è fisso al 3,5%. Sull’importo lordo del finanziamento si applica un’aliquota dello 0,5% per le spese di amministrazione. Il beneficiario deve inoltre far fronte al pagamento di un premio per il Fondo di Garanzia dell’Inps. Premio che viene definito in base all’età del richiedente e alla durata del piano di ammortamento.