Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Guida al calcolo prestiti Inpdap tabelle rate

Cos’è il prontuario prestiti Inpdap

Nonostante la soppressione dell’Inpdap, dipendenti e pensionanti pubblici possono ancora usufruire di prestiti a condizioni agevolate. Prodotti che vengono concessi direttamente dall’Inps e presentano condizioni agevolate. Quanti desiderano farsi un’idea in merito alle condizioni di rimborso di questi finanziamenti possono utilizzare il prontuario prestiti Inpdap tabelle rate.

Sul sito ufficiale dell’Inps è infatti presente un prontuario che permette di calcolare l’importo della rata sulla base dell’importo finanziato. Nello specifico, il prontuario è composto da diverse tavole finanziarie, ognuna fa riferimento ad uno specifico tipo di prestito.

Vi è quindi una tavola per il piccolo prestito annuale, una per il piccolo prestito biennale, una per il prestito pluriennale quinquennale, e così via. Per ogni finanziamento sono indicate le principali caratteristiche, incluse le varie voci di spesa.

Come usare le tabelle per il calcolo prestito Inpdap

Le tavole del prontuario prestiti Inpdap tabelle rate sono pensate in modo che non siano necessarie particolari istruzioni per l’uso. La comprensione dei dati è pressoché immediata e al fine di abbracciare quanto più possibile le potenziali richieste di prestito, per ogni finanziamento l’Inpdap ha preso in esame un ampio ventaglio di importi finanziabili.

Per ogni importo sono indicati (in base alle condizioni fissate dall’Inps per l’erogazione dei finanziamenti diretti) tutti i fattori che concorrono alla determinazione del prestito netto.

In altre parole, oltre alla rata mensile le tabelle prestiti Inpdap permettono di calcolare anche quanto dovuto a titolo di:

  • spese di amministrazione
  • interessi di differimento
  • fondo di garanzia Inps

A tal proposito ricordiamo che mentre gli oneri di amministrazione prevendono un’aliquota fissa (0,5%) il premio per il Fondo Garanzia varia in base all’età del richiedente. Nel prontuario prestiti Inpdap tabelle rate è presente anche una tabella in cui sono indicate tutte le aliquote applicate per il calcolo del premio Fondo di Garanzia.

Esempio di calcolo piccolo prestito Inpdap

Facciamo quindi un esempio di calcolo piccolo prestito utilizzando il prontuario disponibile sul sito Inps. Ipotizziamo di richiedere un piccolo prestito triennale con importo pari a 15 mila euro.

Il tasso di interesse è del 3,5% mentre la rata mensile è pari al 443,99 euro. Spese di amministrazione e interessi di differimento sono pari rispettivamente a 75,00 euro e 77,84 euro. Per quanto attiene agli oneri per il Fondo Garanzia, questi variano a seconda dell’età del richiedente. Si va da un minimo di 81,00 euro, per richiedenti con età compresa tra 18 e 59 anni, a un massimo di 2.133,00 euro (87-90 anni).

Indice contenuti