Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Liquidità a tassi agevolati? Con i prestiti Inps per lavoratori ottieni fino a 150 mila euro

Cosa sono e chi può ottenere i prestiti agevolati per dipendenti pubblici

Oltre ad occuparsi della previdenza dei suoi iscritti, la Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps eroga prestiti a condizioni vantaggiose ai lavoratori assunti nel settore pubblico. Si tratta dei cosiddetti prestiti ex Inpdap. Ma chi può ottenere i prestiti Inps per lavoratori pubblici? Quali i requisiti?

Prima di passare in rassegna i requisiti contrattuali previsti per i prestiti Inps per lavoratori pubblici è necessario precisare che questi si dividono in due categorie: piccoli prestiti e prestiti pluriennali.

I piccoli prestiti rientrano nella categoria dei prestiti personali e consentono di accedere a piccole somme con le quali far fronte a esigenze personali e familiari. I prestiti pluriennali invece sono concessi solo per far fronte a specifiche necessità rientranti nelle casistiche previste dal Regolamento Prestiti Inps.

I requisiti

Possono ottenere i piccoli prestiti Inps per lavoratori pubblici tutti i soggetti assunti nella pubblica amministrazione iscritti a un particolare Fondo credito dell’Inps, la Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Per i prestiti pluriennali invece oltre all’iscrizione al Fondo è necessario poter vantare almeno quattro anni di contributi versati presso la Gestione unitaria e minimo quattro anni di anzianità di servizio utili ai fini pensionistici.

Importi e tassi d’interesse

Come suggerisce il nome, i piccoli prestiti Inps hanno una durata piuttosto limitata. Si va infatti da un minimo di 12 a un massimo di 48 mesi. L’importo finanziabile dipende dalla durata del prestito: per ogni anno è possibile ottenere una somma pari a due mensilità medie nette percepite dal richiedente.

Tuttavia nel caso in cui il beneficiario abbia in corso altre trattenute sullo stipendio o sulla pensione, la somma erogabile si riduce a una mensilità media netta per ogni anno di durata. Per quanto riguarda il tasso d’interesse, invece, questo si attesta al 4,25% a prescindere dalla durata del piano di ammortamento e dalla somma erogata.

Diversa la questione per i prestiti pluriennali che possono durare 5 o 10 anni. Questi finanziamenti inoltre differiscono dai piccoli prestiti poiché rientrano nella categoria dei prestiti finalizzati e sono infatti concessi dall’Inps solo a fronte di documentate spese. Necessità economiche che devono inoltre rientrare tra le casistiche previste dal Regolamento Prestiti Inps.

L’importo massimo finanziabile previsto per i prestiti pluriennali, come la durata del finanziamento, varia quindi a seconda della ragione per cui si richiede il credito. In ogni caso non è possibile ottenere una somma superiore a 150 mila euro e il tasso è fisso al 3,5%.

Spese di amministrazione e Fondo di Garanzia

Tuttavia il tasso d’interesse non rappresenta il costo complessivo del finanziamento. Oltre al Tan, sull’importo lordo dei piccoli prestiti e dei prestiti pluriennali si applicano anche un’aliquota per le spese di amministrazione e una per il premio del Fondo Rischi dell’Inps.

Mentre le spese di amministrazione sono fisse allo 0,5%, il valore del premio per il Fondo Rischi dell’Inps varia a seconda della durata del piano di ammortamento e dell’età del richiedente.

Come effettuare una simulazione online

Quanti desiderano richiedere i prestiti Inps per lavoratori pubblici possono presentare la domanda per via telematizzata. Sul sito Inps inoltre è presente un simulatore che consente di effettuare una stima del prestito che si desidera richiedere.

Il calcolo avviene in pochi secondi e per accedere al servizio di simulazione è sufficiente seguire il percorso: “Home – Servizi – Elenco di Tutti i Servizi- Gestione Dipendenti Pubblici: Simulazione Calcolo Piccoli Prestiti e Prestiti Pluriennali”.

Il sistema mette a disposizione dell’utente tre modalità di calcolo (simulazione prestito, simulazione prestito per rata ideale e simulazione prestito per importo specifico). I dati da inserire nel form per la simulazione variano a seconda della modalità prescelta.

Indice contenuti