Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti Inps tassi d’interesse e condizioni contrattuali

Cosa sono i prestiti Inps ex Inpdap 2016 2024

La Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps eroga prestiti a condizioni agevolate in favore di dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione. Si tratta dei cosiddetti prestiti ex Inpdap. In questo articolo illustreremo le condizioni dei prestiti Inps tassi di interesse e modalità di rimborso.

I prestiti ex Inpdap si dividono in piccoli prestiti e prestiti pluriennali. I primi rientrano nella categoria dei prestiti personali e consentono di accedere a somme fino a un massimo di 8 mensilità medie nette percepite dal richiedente.

I prestiti pluriennali invece sono prestiti finalizzati, concessi solo a fronte di documentate necessità rientranti nelle casistiche previste dal Regolamento Prestiti Inps.

Prestiti Inpdap tassi e condizioni contrattuali

Ma chi può richiedere i prestiti Inps ex Inpdap? Possono ottenere un piccolo prestito tutti i dipendenti e i pensionati della pubblica amministrazione iscritti a un particolare Fondo credito dell’Inps: la Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Per i prestiti pluriennali invece è necessaria, oltre all’iscrizione al Fondo, anche la presenza di un’anzianità di servizio non inferiore a 4 anni e almeno 4 anni di versamenti contributivi presso la suddetta Gestione unitaria.

Ma passiamo al capitolo prestiti Inps tassi. Per i prestiti pluriennali è previsto un tasso di interesse del 3,5% mentre per i piccoli prestiti è previsto un tan del 4,25%. Per quanto riguarda invece la durata, i piccoli prestiti possono durare 1, 2, 3 o 4 anni mentre per quelli pluriennali sono previste due pezzature: 5 e 10 anni.

Come richiedere i prestiti Inps: domanda e simulazione

Per quanto concerne l’importo finanziabile, per i piccoli prestiti questo dipende dalla durata del finanziamento: per ogni anno di durata è prevista l’erogazione di una somma pari a due mensilità medie nette percepite dal richiedente. Per i prestiti pluriennali invece la somma finanziabile varia a seconda della ragione per cui si richiede il finanziamento.

Ritornando alla questione prestiti Inps tassi ricordiamo che oltre al Tan sui prestiti ex Inpdap si applica anche un’aliquota dello 0,5% per le spese di amministrazione e una per il pagamento del Fondo rischi Inps. Quest’ultima viene definita in base all’età del richiedente e alla durata del finanziamento sottoscritto.

Ricordiamo infine che sul sito dell’Inps sono disponibili, in formato Pdf, i moduli di domanda per richiedere i prestiti ex Inpdap. Per scaricarli è sufficiente seguire il percorso: “Home – Modulistica – Gestione Dipendenti Pubblici – Iscritto/Pensionato – Prestazioni Creditizie E Sociali”. Sul sito è presente anche un simulatore che consente di fare una stima della rata del prestito e della somma finanziabile.

Indice contenuti