Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti online cattivi pagatori 2016: come ottenerli

I prestiti online cattivi pagatori sono prestazioni economiche pensate per chi ha alle spalle una storia creditizia problematica e, di conseguenza, difficoltà ad accedere al credito attraverso banche e società finanziarie.

Prestiti personali cattivi pagatori: tutte le soluzioni

Le soluzioni relative a prestiti online cattivi pagatori non sono poche e sono molto più accessibili rispetto a qualche anno fa.

Nell’elenco dei prestiti che possono essere richiesti anche da chi ha alle spalle un mancato pagamento o un protesto ricordiamo la cessione del quinto della pensione o dello stipendio, che non prevede il controllo delle banche dati e che viene concessa senza la presentazione di garanzie di natura immobiliare.

Prestiti personali cattivi pagatori senza cessione del quinto: le altre alternative

La cessione del quinto non è l’unica formula di prestito disponibile per cattivi pagatori e protestati. L’elenco dei prestiti online cattivi pagatori sono compresi anche i prestiti cambializzati, prodotti che fino a qualche anno fa avevano perso popolarità.

Cosa sono i prestiti cambializzati? Come è chiaro dal nome stesso, si tratta di prestazioni economiche che possono essere onorate tramite il versamento di cambiali entro una determinata scadenza.

Ricordiamo che il prestito cambializzato è un prestito personale, quindi non necessita della presentazione di un giustificativo di spesa.

Prestiti online cattivi pagatori: quali garanzie per i prestiti cambializzati?

Informarsi sui prestiti online cattivi pagatori e sui prestiti cambializzati in particolare vuol dire chiarire le idee sulle garanzie necessarie per ottenerli.

I prestiti cambializzati, che non prevedono il controllo delle banche dati, possono essere ottenuti anche senza la presentazione di una busta paga, ma è comunque obbligatorio presentare alcune garanzie.

I lavoratori dipendenti possono portare il TFR, mentre per gli autonomi è necessaria la titolarità di una polizza vita da almeno 2 anni.

Se invece il richiedente è un cattivo pagatore neo assunto come lavoratore dipendente è necessario l’intervento di un garante.

Prestiti personali cattivi pagatori con garante: tutte le informazioni

Le banche e le società finanziarie concedono credito ai cattivi pagatori e ai protestati con meno difficoltà rispetto a qualche anno fa, ma è sempre opportuno cautelarsi. In che modo? Scegliendo per esempio di far intervenire un terzo soggetto come garante.

I prestiti personali con garante rispondono a regole precise, come per esempio la necessità di considerare l’intervento del garante – che non può sostituirsi al beneficiario principale nel pagamento delle rate – come straordinario.

Ricordiamo anche che l’istituto di credito che eroga il prestito effettua controlli stretti sull’affidabilità creditizia del garante, in quanto in caso di mancato solvibilità da parte del beneficiario del prestito ha la facoltà di rivalersi sui suoi beni.

Risulta infine opportuno specificare che nessun istituto di credito o società finanziaria ha l’obbligo di concedere un prestito a un cattivo pagatore o a un protestato, anche se è presente un terzo soggetto disposto a svolgere il ruolo di garante.

Indice contenuti