Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestito Inpdap nascita figlio a tasso agevolato: guida all’offerta

Quando si può richiedere il prestito nascita figlio Inpdap e a chi si rivolge

I prestiti Inpdap rappresentano un’importante possibilità di risparmio per dipendenti e pensionati pubblici. Si trattai infatti di una forma di accesso al credito che garantisce l’applicazione di tassi di interesse agevolati e la possibilità di ottenere liquidità per far fronte a spese di varia natura. Tra queste ricordiamo il prestito Inpdap nascita figlio.

Il prestito Inpdap nascita figlio non è un prodotto a sé, bensì una delle finalità per cui è possibile ottenere un prestito pluriennale diretto. I prestiti pluriennali permettono infatti di ottenere somme anche elevate per specifiche finalità, che devono essere indicate nel Regolamento Prestiti Inps.

Il regolamento in questione è l’insieme delle norme fissate dall’Inps che stabiliscono le condizioni per la concessione e il rimborso. A tal proposito è necessario chiarire che mentre i piccoli prestiti possono essere concessi per qualsiasi ragione (senza bisogno di specificare la finalità) i prestiti pluriennali sono accessibili solo per alcune finalità.

Tra le motivazioni ammesse per la concessione del capitale, il regolamento riporta: “Nascita figli o adozione – affidamento preadottivo – nascite o adozioni plurime e adozioni internazionali”.

È possibile quindi richiedere un prestito Inpdap sia per la nascita di uno o più bambini che in caso di adozione. È necessario chiarire poi che il finanziamento è concesso anche per le adozioni internazionali. Rientrano tra i beneficiari anche i dipendenti pubblici che ospitano un bambino in condizione di affidamento preadottivo.

Condizioni di rimborso e tasso 2018

Ora che abbiamo visto quando è possibile ottenere un prestito Inpdap nascita figlio, passiamo alle condizioni di rimborso. Il rimborso del capitale avviene con un piano di ammortamento che si estende per 5 anni. Le rate hanno cadenza mensile e sono detratte direttamente dalla busta paga o dalla pensione del beneficiario.

Il tasso è fisso al 3,5%, a cui si aggiungono le spese di amministrazione (0,5%) e il premio per il Fondo Rischi Inps. La somma erogabile viene definita in sede di domanda. La richiesta va presentata per via telematizzata utilizzando i servizi messi a disposizione dall’Inps.

Per i requisiti relativi ai prestiti pluriennali in generale (comunque validi per la concessione dei prestiti per nascita figlio) vi rimandiamo al nostro approfondimento.