Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Regolamento mutui Inpdap 2016: tutte le novità

Mutui Inps, pubblicato il nuovo regolamento per il 2016

L’ente previdenziale Inps fornisce mutui ipotecari come previsto dal regolamento mutui Inpdap 2016 per consentire a tutti i dipendenti della pubblica amministrazione o pensionati iscritti di fruire di mutui agevolati Inpdap.

Secondo le disposizione del regolamento mutui Inpdap 2016 è prevista la possibilità di richiedere mutui agevolati per l’acquisto della prima casa ma anche per la manutenzione ordinaria e straordinaria dell’immobile.

Richiedere un mutuo Inpdap è possibile purchè siano presenti tutti i requisiti validi utili ad ottenere l’accesso al beneficio come indicato nel regolamento mutui Inpdap 2016.

Mutuo Inpdap condizioni, le novità del regolamento 2016

Secondo disposizioni del regolamento mutui Inpdap 2016 il beneficio è riservato a tutti gli iscritti in attività di servizio con contratto a tempo indeterminato ma anche a tutti i pensionati che abbiano almeno un anno di anzianità di iscrizione, compresi periodi di servizio a tempo determinato.

I mutui agevolati Inpdap possono essere concessi per acquisto di immobile che non deve avere caratteristiche di bene di lusso e che dovrà essere adibito a residenza dell’iscritto e del nucleo familiare.

L’immobile acquistato non potrà essere gravato da garanzie reali e deve trovarsi in territorio italiano, lo stesso dovrà essere l’unica abitazione in possesso del nucleo familiare dell’iscritto, ad eccezione dei casi in cui:

  • L’iscritto e i componenti del nucleo familiare risultino proprietari per successione o per donazione di massimo il 50% di un altro bene immobile.
  • Sia stata dichiarata inagibile l’abitazione dell’iscritto a seguito di calamità naturali.
  • Qualora sia comproprietario di un’abitazione con soggetti estranei dal nucleo familiare.
  • Qualora sia rimasto privo di abitazione a seguito di un provvedimento giudiziale di separazione.

Secondo il regolamento mutui Inpdap 2016 tutti i dipendenti pubblici o pensionati che hanno i requisiti validi per poter usufruire dei benefici potranno ricevere una somma di denaro pari a 300 mila euro per l’acquisto di un immobile.

Inoltre chi ha i requisiti per poter stipulare un mutuo Inpdap potrà ricevere importi pari al 40% del valore dell’immobile per tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria o un importo pari a 75 mila euro destinati alla costruzione di un box auto distante non più di cinquecento metri dall’abitazione.

Mutui Inpdap: come richiederlo?

La presentazione della domanda di richiesta mutui Inpdap potrà essere trasmessa per via telematica dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio o dal 1° al 10 settembre, tramite compilazione di modulo di partecipazione reperibile dal portale www.inps.it

Tutti i mutui ipotecari secondo disposizioni del regolamento mutui Inpdap 2016 prevedono un tasso di interesse fisso pari al 2,95% e un tasso variabile pari all’Euribor a 6 mesi, calcolato su 360 giorni maggiorato di 200 punti base.

Rimborso del prestito che dovrà essere calcolato tramite sistema francese, in rate semestrali costanti e posticipate, per mutui con una durata variabile di 10,15,20,25 o 30 anni a seconda dell’importo richiesto. Ad eccezione degli iscritti che alla presentazione della domanda abbiano compiuto 65 anni, per i quali la durata massima richiedibile è di 15 anni.

Indice contenuti