Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Calcolo cessione del quinto Inps: come funziona

I prestiti contro cessione del quinto della pensione o dello stipendio sono sempre più diffusi, dal momento che consentono di accedere al credito in maniera molto flessibile. Il calcolo cessione del quinto Inps è quindi molto importante.

Cessione del quinto Inps: qualche informazione tecnica

Prima di procedere con il dettaglio del calcolo cessione del quinto Inps, diamo qualche informazione tecnica fondamentale su questa formula di accesso al credito, che permette il rimborso attraverso la trattenuta a monte di una parte dello stipendio o della pensione.

La cessione del quinto Inps è definibile come formula di credito al consumo ed è un prestito personale, il che vuol dire che non è necessario presentare un giustificativo di spesa.

Il prestito contro cessione del quinto Inps non prevede il controllo delle banche dati e può essere richiesto anche da protestati e cattivi pagatori.

Cessione del quinto: come si richiede

Come si richiede la cessione del quinto Inps? Prima di soffermarsi sulle regole del calcolo cessione del quinto Inps è obbligatorio approfondire questo punto. La richiesta di un prestito contro cessione del quinto o della pensione può essere concretizzata attraverso un contatto autonomo con un istituto di credito o con una società finanziaria.

In caso di richiesta di cessione del quinto della pensione è obbligatorio presentare la Comunicazione di Quota Cedibile.

Calcolo cessione del quinto Inps: ecco come effettuarlo

Come si effettua il calcolo cessione del quinto Inps? La procedura è estremamente semplice. Nel caso di richiesta di un prestito contro cessione del quinto dello stipendio è necessario considerare la busta paga netta e decurtarne un quinto, che corrisponde all’ammontare della rata mensile.

Il calcolo del prestito contro cessione del quinto della pensione implica maggior attenzione, dal momento che è necessario considerare la salvaguardia della pensione minima. Cosa significa questo? Che in caso di trattamenti molto bassi la quota cedibile può essere inferiore a un quinto, così da salvaguardare il trattamento minimo Inps, considerato necessario alla conduzione di una vita dignitosa.

Prestito contro cessione del quinto: le ultime specifiche

Ora che abbiamo fornito le principali informazioni sul calcolo cessione del quinto Inps possiamo concludere con alcune specifiche tecniche essenziali per chi vuole sapere tutto su questa formula di accesso al credito.

Iniziamo a ricordare che il prestito contro cessione del quinto dello stipendio può avere una durata massima di 120 mesi (la durata minima varia sulla base delle regole del singolo istituto di credito e si aggira tra i 36 e i 24 mesi).

In caso di cessione del quinto della pensione la durata massima può subire delle modifiche sulla base dell’età del pensionato (nel caso di un prestito richiesto da un pensionato di 65 anni la durata massima del piano di rimborso può infatti essere abbassata a 60 mesi). In ogni caso è obbligatorio che il pensionato abbia meno di 90 anni al momento del pagamento dell’ultima rata.

Il prestito contro cessione del quinto dello stipendio implica invece un’anzianità lavorativa minima, che corrisponde in generale a 3 anni.

Indice contenuti