Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Condizioni e importi cessione del quinto Bnl per dipendenti e pensionati

Il prestito con cessione del quinto è una delle formule di accesso al credito più vantaggiose. Per quale motivo? Perché la principale garanzia è offerta dalla ricezione di una busta paga e di un trattamento pensionistico. Sono molti gli istituti che erogano presiti su cessione del quinto, tra questi troviamo BNL. Andiamo quindi ad analizzare l’offerta cessione del quinto BNL.

Prestiti cessione del quinto BNL 2017

Prima di approfondire nel dettaglio l’offerta cessione del quinto BNL vediamo quali sono i punti di forza di questa particolare forma di prestito. Iniziamo con il dire che i prestiti su cessione del quinto richiedono poche garanzie.

Come già accennato, questi prestiti personali sono garantiti principalmente dalla presenza di un reddito fisso dimostrabile, che può essere la pensione o lo stipendio. La presenza del reddito è fondamentale ai fini dell’accesso al credito, poiché la rata viene detratta alla fonte.

In altre parole, il rimborso delle rate di ammortamento avviene tramite decurtazione diretta dalla busta paga o dall’assegno pensionistico. A seconda che il beneficiario sia dipendente o pensionato, a detrarre la rata sarà il datore di lavoro o l’ente previdenziale che eroga la pensione.

Ai fini della concessione del prestito su cessione del quinto, la normativa vigente impone la sottoscrizione di una polizza assicurativa. Copertura che deve coprire sia contro il rischio vita che contro il rischio impiego (solo per i lavoratori).

Per quanto attiene il piano di ammortamento, i prestiti contro cessione del quinto possono durare al massimo 120 mesi (10 anni). Il tasso è fisso e la rata mensile non può superare la quinta parte (20%) di stipendio o pensione netta.

Ora che abbiamo fatto il punto sulle condizioni di questi finanziamenti, passiamo ai prestiti su cessione del quinto proposti da BNL Gruppo BNP Paribas. L’istituto di credito mette a disposizione dei clienti un’opzione per la cessione del quinto riservata ai lavoratori dipendenti e una dedicata ai titolari di un trattamento pensionistico.

Bnl finance cessione del quinto dipendenti pubblici

Iniziamo a parlare dell’offerta cessione del quinto BNL analizzando l’opzione dedicata ai dipendenti. La cessione del quinto dello stipendio proposta da BNL Gruppo BNP Paribas consente di richiedere fino a 104 mila euro. Somma che comprende l’effettivo prestito e l’eventuale delegazione di pagamento.

La rata massima è chiaramente pari a un quinto della busta paga netta e non può mai essere inferiore a 50€. Quanti desiderano ottenere importi particolarmente elevati possono affiancare alla cessione del quinto una delegazione di pagamento.

In questo modo sarà possibile cedere un’ulteriore quinto dello stipendio, arrivando così a pagare rate mensili per un massimo del 40% della busta paga.

Cosa succede in caso di estinzione anticipata? Che il cliente è tenuto a pagare l’1% del capitale residuo. L’aliquota applicata si riduce allo 0,50% in caso di vita residua del prestito pari a 1 anno. Se il debito residuo è inferiore a 10.000€ il beneficiario non è chiamato al pagamento di nessuna penale.

Per conoscere nel dettaglio le condizioni dei prestiti su cessione del quinto BNL vi proponiamo l’esempio pubblicizzato sul sito ufficiale della banca. A fronte del pagamento di una rata mensile da 250 euro per 10 anni un lavoratore pubblico di 35 anni può ottenere un finanziamento da 23.225,1 euro. Tan e Taeg sono fissi rispettivamente al 5,19% e al 5,45% per tutta la durata del prestito. Non sono previste spese di istruttoria né commissioni per l’incasso della rata.

Condizioni e preventivo cessione del quinto Bnl pensionati

Continuiamo a parlare dell’offerta prestiti cessione del quinto BNL analizzando il prodotto dedicato ai pensionati. Garantito per legge da una copertura assicurativa rischio premorienza, questo prestito consente ai titolari di un trattamento pensionistico di ottenere somme anche elevate.

In base a quanto stabilito dalla normativa vigente però sono esclusi i titolari di alcune prestazioni previdenziali. Non possono infatti ottenere prestiti su cessione del quinto della pensione quanti percepiscono:

  • pensioni d’invalidità
  • pensioni sociali
  • trattamenti di sostegno al reddito.

Anche in questo caso facciamo un esempio di prestito per valutare le condizioni applicate. A fronte del pagamento di una rata mensile da 200 euro per 10 anni (120 mesi) un pensionato di 65 anni ottiene 16.798,3 euro. A carico del beneficiario ci sono un Tan fisso del 7,41% e un Taeg, anch’esso fisso, pari al 7,84%.

Ricordiamo infine che i prestiti su cessione del quinto della pensione prevedono la concessione di somme fino a 90 mila euro. per quanto riguarda l’ipotesi di anticipata estinzione del prestito, BNL applica le stesse condizioni che abbiamo visto per i prestiti dedicati ai dipendenti pubblici. azzerate le spese di incasso rata e gli oneri d’istruttoria.