Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cessione del quinto Inps Unicredit per dipendenti e pensionati

Cessione del quinto Inps Unicredit: a chi si rivolge

La fortuna della cessione del quinto deriva essenzialmente da due fattori: semplicità di rimborso, le rate sono trattenuta in automatico alla fonte, e opportunità di accesso al credito anche ai cattivi pagatori (quanti hanno avuto problemi nel processo di rimborso di altri finanziamenti). La maggior parte degli istituti bancari presenta quindi linee di credito basate sulla cessione del quinto. Tra queste abbiamo l’offerta Unicredit, vediamone le principali caratteristiche e le condizioni contrattuali.

Cessione del quinto Inps Unicredit: Prestito Pensione Quinto Più

Le proposte cessione del quinto Inps Unicredit sono essenzialmente due, la prima destinata ai pensionati, mentre l’altra riguarda i dipendenti statali amministrati dal MEF. Prestito Pensione Quinto Più è la linea di credito destinata ai pensionati afferenti all’Inps. Essendo un prodotto su cessione del quinto, la rata non può eccedere 1/5 dell’importo netto del trattamento pensionistico. Il processo di rimborso non può eccedere i 10 anni (120 mesi), mentre parte da un minimo di 24 mesi.

Per quanto attiene invece alle somme accordate, l’importo massimo è di 69mila euro, somma importante ma che può essere raggiunta solo se la pensione lo consente (è un prodotto finanziario contraddistinto da un rapporto di proporzionalità tra rata e assegno pensionistico). Il tasso è fisso per l’intero periodo di rimborso.

Tra i vantaggi rileviamo le ridotte garanzie, non è necessario fornire alla banca garanzie di tipo patrimoniale o immobiliare. È sufficiente la pensione stessa. Unicredit propone inoltre una copertura assicurativa, sostenuta dall’istituto bancario. L’utente non deve fornire inoltre alcun elemento come giustificativo di spesa.

Cessione del quinto Inps Unicredit, documentazione

Dal punto di vista dei documenti da fornire, abbiamo la documentazione anagrafica e quella sul reddito. L’utente deve tenere presente che vi sono alcune categorie di pensionati escluse:

  • pensioni ed assegni sociali,
  • pensioni cointitolate
  • trattamenti di invalidità civile,
  • assegno mensile per l’assistenza ai pensionati di inabilità,
  • assegni di sostegno al reddito, pensioni a carico degli enti creditizi, assegni al nucleo

Cessione del quinto Inps per dipendenti MEF

Prestito Cessione del Quinto MEF è invece l’omologo rivolto a dipendenti statali amministrati dal MEF. Proprio come per il precedente finanziamento, abbiamo una durata compresa tra i 24 e i 120 mesi. Invariato l’importo, 69mila euro.

La rata non può eccedere 1/5 dello stipendio considerato al netto di ritenute. È applicato un tasso fisso che determina una rata costante per l’intero periodo di rimborso. Possono richiedere questo prodotto lavoratori dipendenti delle amministrazioni statali e pubbliche afferenti al MEF.

Il richiedente non deve fornire alcuna garanzia reale, è sufficiente lo stipendio. Dal punto di vista della documentazione sarà necessario presentare: documentazione anagrafica (carta d’identità̀ in corso di validità̀ e codice fiscale) e ultima busta paga.

Indice contenuti