Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti ex Inpdap per dipendenti pubblici, scopri perché sono una scelta conveniente

Approfittando dei Prestiti ex Inpdap per dipendenti pubblici puoi soddisfare tantissime occorrenze personali e relative alla tua famiglia: dall’acquisto dell’abitazione a quello dell’autovettura. Sono linee di credito che godono di TAN vantaggiosi, con varie opportunità di rimborso, la durata va da uno a dieci anni. Ma perché ottenere questi finanziamenti, come vanno richiesti e da chi sono erogati? Scopriamone ogni dettaglio.

Cosa sono e perché i Prestiti ex Inpdap sono finanziamenti convenienti

I prestiti ex Inpdap per dipendenti pubblici sono finanziamenti che fanno riferimento all’Inps. In particolare la struttura competente è la Gestione dipendenti pubblici. Queste opportunità di finanziamento rispondono alle domande degli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (dipendenti pubblici e pensionati).

Si tratta di un’offerta della quale fanno parte sia i prodotti presentati in modo diretto dall’ente previdenziale, sia quelli di banche e finanziarie che operano nel rispetto di condizioni definite in collaborazione con l’Istituto.

I prodotti diretti corrispondono al Piccolo prestito per gli iscritti alla Gestione unitaria e al Prestito pluriennale diretto, mentre il Prestito pluriennale garantito è accordato da istituti di credito convenzionati. Quali sono le loro qualità, come funzionano e quando richiederli? Passiamo ai dettagli.

Tasso del Piccolo prestito ex Inpdap, durata e spese

Il Piccolo prestito è il prodotto più versatile tra i prestiti ex Inpdap per dipendenti pubblici, perché permette tantissimi utilizzi. È quindi la proposta ideale per chi ha bisogno di denaro per compiere varie, piccole spese, magari non programmate.

A caratterizzare il finanziamento è il TAN: il tasso di interesse corrisponde al 4,25%, una percentuale tra le più basse del mercato italiano. Sugli importi, tutto dipende dalla durata del finanziamento e dal valore dello stipendio mensile.

Il Regolamento stabilisce vari percorsi di restituzione del debito: si parte da un rimborso strutturato in 12 mesi, ma può protrarsi fino a 48 mesi.

L’Inps prevede comunque alcuni costi che ricadono sul debitore. Ci sono le spese per la gestione degli aspetti amministrativi (0,50%) e un premio pertinente i rischi relativi alla linea di credito.

Prestiti pluriennali per dipendenti pubblici: TAN della cessione del quinto e le altre caratteristiche

Se l’iscritto preferisce una restituzione del debito distribuita su 60 o 120 mesi, può pensare al Prestito pluriennale diretto. Oltre ad avere una diversa durata, permette di ricevere un TAN più basso rapportato al Piccolo prestito: il tasso è pari al 3,50%.

È soggetto però a particolari vincoli sul fronte degli utilizzi. Questi riguardano necessità di tipo personale e familiare. Riportiamo quindi alcune delle finalità:

  • Manutenzione ordinaria della casa di residenza;
  • Acquisto veicolo;
  • Nascita figli;
  • Matrimonio;
  • Acquisto della casa di residenza;
  • Estinzione anticipata del mutuo.

Il Prestito pluriennale è fornito con un piano di rimborso segnato dalla cessione del quinto.

Il Prestito Pluriennale Garantito, a differenza di altri prestiti ex Inpdap per dipendenti pubblici, è presentato da istituti di credito convenzionati con l’ente previdenziale. Di questi fanno parte le principali banche italiane.

Come il Pluriennale garantito, è un prodotto su cessione del quinto.

La richiesta: come ottenere il finanziamento

La richiesta dei prestiti ex Inpdap per dipendenti pubblici diretti (Piccolo prestito e Pluriennale diretto) avviene via Web. L’utente dovrà usare i servizi del sito inps.it. Per inviare la domanda deve aver ottenuto il PIN Inps. I pensionati possono anche rivolgersi al Contact center e a enti di patronato.

Indice contenuti