Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Nuovi tassi soglia prestiti Inps in convenzione, i dati aggiornati

Cambiano i tassi dei prestiti per pensionati Inps in convenzione

L’Inps modifica i tassi soglia per i prestiti Inps in convenzione. Si tratta di una variazione riferita ai prestiti su cessione del quinto della pensione. Finanziamenti che sono concessi da banche e società finanziarie convenzionate con l’Inps.

Istituti di credito che sono quindi vincolati all’ente previdenziale sulla base degli accordi sottoscritti. Accordi che sono stati modificati di recente. Nello specifico, la variazione interessa il periodo che va dal primo di aprile 2018 al 30 di giugno dello stesso anno.

Oggetto della variazione sono i tassi soglia convenzionali previsti per i prestiti Inps in convenzione. Si tratta dei tassi limite fissati dall’Inps per i prestiti su cessione del quinto della pensione erogati in favore dei pensionati afferenti all’Istituto previdenziale. Tassi che sono previsti per legge, il riferimento normativo è rappresentato dall’articolo 2, comma 1, della Legge n. 108/1996 e successive modifiche.

La notizia della variazione dei tassi limite è stata resa nota ad aprile dall’Inps, con il messaggio n. 128. Ma vediamo quali sono i nuovi tassi soglia convenzionali previsti per i prestiti in convenzione dal 1 aprile al 30 giugno 2018.

Nuovi tassi soglia per i prestiti Inps 2018

Per i prestiti su cessione del quinto della pensione, i valori dei tassi da applicarsi tra il 1° aprile e il 30 giugno sono i seguenti:

  • In caso si finanziamenti con importi fino a 15 mila euro: il TEGM è dell’11,75%, mentre il tasso soglia relativo all’usura è fissato a 18,6875%;
  • Per i finanziamenti con importi oltre i 15 mila euro: il TEGM è pari all’8,83% e il tasso soglia di usura è pari al 15,0375%.

I tassi soglia TAEG riferiti ai prestiti Inps in convenzione concessi da parte di intermediari finanziari convenzionati con l’Inps invece variano come segue.

  • Per i soggetti fino a 59 anni il tasso di soglia convenzionale è dell’8,70% per i prestiti fino a 15 mila euro e del 7,30% per quelli con importo oltre i 15 mila euro;
  • In caso di prestiti richiesti da pensionati con età compresa fra 60 e 64 anni, il tasso di soglia è del 9,50% per i prestiti fino a 15 mila euro e dell’8,10% per quelli oltre i 15 mila euro;
  • Se a presentare la richiesta è un soggetto tra i 65 e i 69 anni, tasso soglia è del 10,30% per prestiti fino a 15 mila euro, del 8,90% per le richieste che superano i 15 mila euro;
  • Quando a richiedere il prestito è un pensionato con età compresa fra 70 e 74 anni, il tasso di soglia convenzionale applicato è pari all’11% in caso di prestiti fino a 15 mila euro, del 9,60% per i finanziamenti oltre i 15 mila euro;
  • Per i finanziamenti richiesti infine da titolari di pensionefra i 75 e i 79 anni, il tasso di soglia convenzionale è fissato all’11,80% per somme fino a 15 mila euro, al 10,40% per linee di credito oltre 15 mila euro.