Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti Inpdap Agevolati: perché sceglierli e come risparmiare

I prestiti Inpdap agevolati 2018 sono finanziamenti molto richiesti: un grande successo deciso dalle particolari condizioni previste dal Regolamento Inps. Questo consente il rimborso con TAN convenienti e un’ampia varietà di possibili utilizzi. Scopriamone le qualità e perché rappresentano un vantaggio per chi ha bisogno di denaro.

Perché i prestiti Inps ex Inpdap convengono

Per comprendere come funzionano i prestiti Inpdap agevolati deve essere chiarito, in prima battuta, da chi sono erogati. Sì, perché l’Inpdap è stato eliminato nel 2012. Al momento quindi i finanziamenti ex Inpdap sono presentati dalla Gestione Dipendenti Pubblici dell’Istituto nazionale della previdenza sociale.

I finanziamenti cui stiamo facendo riferimento sono il Piccolo prestito e il Prestito pluriennale diretto. Entrambi sono stati introdotti per fornire un sostegno economico a dipendenti pubblici e pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Sono due linee di credito che vengono incontro a differenti necessità e implicano diversi piani di rimborso.

TAN, durata e costi del Piccolo prestito Gestione Pubblica

Il Piccolo prestito è una risorsa preziosa nell’eventualità di gestione di vari acquisti. Rientra infatti nei finanziamenti non finalizzati. Perché in questo caso parliamo di prestiti Inpdap agevolati?

Anzitutto per il TAN applicato che corrisponde al 4,25%. C’è poi la durata del rimborso che prevede varie opzioni, da 12 a 48 mesi. Sul piano di ammortamento gravano alcune spese: quelle amministrative, per lo 0,50%, e il premio fondo rischi.

La richiesta di questo finanziamento si realizza online usando i servizi del portale inps.it.

Prestiti per dipendenti pubblici, i vantaggi del Pluriennale diretto

Il Prestito pluriennale diretto è contraddistinto da un differente profilo. L’utilizzo è limitato alle possibili finalità riportate dal Regolamento Inps.

La linea di credito può essere usata per la propria abitazione (acquisto, costruzione e ristrutturazione), ma anche per l’automobile e riscatto di alloggi popolari, solo per citare alcuni degli utilizzi ammessi.

A seconda delle finalità sono sanciti gli importi massimi conseguibili. Sulla durata l’Inps prevede due prospettive: cinque o dieci anni, 60 o 120 rate mensili. Il rimborso avverrà su cessione del quinto.

E in questo caso qual è il tasso di interesse? L’ente previdenziale ha pensato a un TAN del 3,50%, ma vi sono gli stessi costi dell’altro finanziamento.

Calcolo online, la simulazione dei prestiti ex Inpdap Inps

Una valutazione più precisa delle caratteristiche dei prestiti Inpdap agevolati 2018, è disponibile grazie al sistema di calcolo online fornito dal sito inps.it.

Con questa guida puoi scoprire, in ogni particolare, cosa devi fare per ricevere una simulazione di rimborso online personalizzata.