Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Poste Italiane prestiti dipendenti ex Ipost a condizioni agevolate

Poste Italiane prestiti dipendenti: i prestiti Inps Gestione Fondi Poste

In seguito alla manovra finanziaria del Governo Monti, che ha riformato il sistema previdenziale italiano, tutte le pratiche riferite ai dipendenti di Poste Italiane sono passate di competenza dell’Inps, che le amministra tramite la Gestione Fondi Poste.

Tra le prestazioni dedicate a questa categoria di dipendenti troviamo i prestiti Gestione Fondi Poste (anche detti ex Ipost). Finanziamenti a condizioni agevolate erogati direttamente dall’Inps. I prestiti ex Ipost si dividono in piccoli prestiti e prestiti pluriennali.

Il piccolo prestito Gestione Fondi Poste viene erogato dietro cessione del quinto dello stipendio e prevede un piano di rimborso di 1, 2, 3, o 4 anni. Per ogni anno di durata del prestito è possibile ottenere una somma pari a due mensilità medie nette percepite. Il tasso di interesse (Taeg) applicato è pari al 5% e il piano di ammortamento prevede rate a cadenza mensile con importo costante.

Poste Italiane prestiti dipendenti: a chi sono rivolti i finanziamenti ex Ipost

Hanno accesso ai piccoli prestiti solo i dipendenti di Poste Italiane Spa e società collegate in attività di servizio, che abbiano maturato almeno 2 anni di anzianità di servizio di ruolo. Trattandosi di una cessione del quinto, il rimborso delle rate avviene tramite decurtazione delle rata direttamente dalla busta paga.

I prestiti pluriennali invece sono finanziamenti con durata quinquennale o decennale concessi nei limiti della quota cedibile, pari a un quinto dello stipendio netto. Possono ottenere queste linee di credito esclusivamente i dipendenti di Poste Italiane Spa e società collegate che hanno maturato almeno 4 anni di anzianità di servizio di ruolo.

Il Taeg è pari al 3,50% e la restituzione avviene tramite rate mensili con importo costante, decurtate direttamente dalla busta paga. Sia i prestiti pluriennali che i piccoli prestiti rientrano nella categoria dei finanziamenti personali, di conseguenza il richiedente non è tenuto a giustificare all’Inps la richiesta di credito con preventivi di spesa, o altra documentazione simile.

Poste Italiane prestiti dipendenti come simulare e richiedere un prestito

I dipendenti di Poste Italiane che sono interessati ai prestiti ex Ipost e desiderano effettuare una simulazione del finanziamento, possono ricorrere all’apposito calcolatore disponibile sul sito inps.it, seguendo il percorso: “Home- Servizi Online- Calcolo dimostrativo prestiti”.

Per simulare un prestito è sufficiente selezionare la tipologia di finanziamento (piccolo prestito o pluriennale) e inserire nell’apposito form l’importo lordo della propria retribuzione mensile.

In questo modo il sistema mostra l’importo massimo erogabile. Nel caso in cui non si intenda richiedere l’importo massimo, sarà sufficiente ridurre il valore riportato nel campo “retribuzione fissa”. In questo modo si potrà facilmente simulare un prestito di importo inferiore.

Ricordiamo infine che per richiedere i prestiti Gestione Fondi Poste è necessario redigere una domanda sul modello unico CRED3 disponibile nella sezione Modulistica del sito Inps.

Indice contenuti