Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti cambializzati tra privati: ecco come funzionano

Con la crisi attuale e la conseguente incertezza lavorativa è fondamentale trovare alternative di accesso al credito flessibili. I prestiti cambializzati tra privati rientrano in questo novero.

Prestiti con cambiali: cosa sono

Prima di specificare le caratteristiche dei prestiti cambializzati tra privati vediamo cosa sono in generale i prestiti con cambiali. Si tratta di finanziamenti non finalizzati, che quindi non rendono necessaria la presentazione di un giustificativo delle spese effettuate con la cifra che si ha disposizione.

La principale garanzia nel caso di questi prestiti è costituita dalla firma che il soggetto richiedente appone sulle cambiali. Cosa sono le cambiali? Titoli esecutivi che possono essere convertiti in denaro a seconda delle scelte del titolare del contratto di prestito, che può anche continuare a vantare un credito presso la persona o l’istituto di credito che ha emesso le cambiali.

Come funzionano i prestiti con cambiali tra privati

I prestiti cambializzati tra privati sono caratterizzati dal medesimo funzionamento che contraddistingue i prestiti con cambiali richiesti a finanziarie o istituto di credito. A questo punto sorge spontanea la domanda relativa al vantaggio che risiede nel chiedere un prestito di questo tipo a un privato.

Prima di tutto è bene ricordare che, in mancanza di una busta paga, gli istituti di credito richiedono la titolarità di una polizza vita per l’erogazione di un prestito cambializzato. Quando si fa riferimento a un privato – nella maggior parte dei casi si tratta di una persona conosciuta che è al corrente della situazione economica critica del richiedente – questo processo si salta e ci si basa su un rapporto di fiducia.

Un altro vantaggio importante riguarda la situazione dei neo assunti che, tramite i prestiti cambializzati tra privati, possono accedere al credito senza bisogno di presentare un terzo soggetto garante.

Prestiti con cambiali tra privati: cosa succede in caso d’insolvenza

Cosa succede quando nei prestiti cambializzati tra privati subentrano casi d’insolvenza? Che il soggetto che ha emesso le cambiali ha la facoltà di prendere in pegno i beni del beneficiario del prestito. Questo accade perché, come già ricordato, la cambiale è un titolo esecutivo (per renderla tale è necessario apporvi l’imposta di bollo pagando la cifra prevista dalla legge).

Prestiti cambiali tra privati: cosa sapere sugli interessi

L’ultimo punto da analizzare in merito alle caratteristiche dei prestiti cambializzati tra privati riguarda gli interessi. Cosa bisogna sapere in merito? Che anche in questo caso, esattamente come accade con le banche e gli istituti di credito, ai prestiti cambializzati può essere applicato un interesse, che costituisce il guadagno del soggetto che ha emesso i titoli esecutivi (prestito oneroso).

Importante è che l’interesse non sia applicato in maniera sistematica, in quanto in tal caso si configura un’attività bancaria vera e propria, che deve essere soggetta a specifiche disposizioni normative.

Indice contenuti