Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Offerta cessione del quinto Inpdap per acquisto auto a tasso agevolato

Guida all’offerta Inps cessione del quinto per acquisto auto

In Italia la metà delle auto è acquistata tramite finanziamento. È quanto si evince dalla recente analisi condotta dal Market Outlook di CRIF. Lo studio (che considera le compravendite effettuate tra luglio 2017 e giugno 2018) ha messo in evidenza l’incremento della percentuale di automobili acquistate grazie a linee di credito. Tra le tante proposte di finanziamento che si possono reperire sul mercato spicca la cessione del quinto Inpdap per acquisto auto.

La convenienza dell’offerta è data innanzitutto dall’applicazione di tassi a dir poco concorrenziali: il  Tan è fisso al 3,5%. Erogata direttamente dall’Inps la cessione del quinto Inpdap per acquisto auto prevede la concessione di somme fino a 20 mila euro. Una proposta assolutamente in linea con le tendenze di mercato. Dal resoconto CRIF emerge infatti che l’importo dei finanziamenti richiesti si attesta mediamente intorno ai 10-15 mila euro.

Prestiti per acquisto auto dipendenti pubblici: importo e tasso 2019

Ma quali sono i requisiti da soddisfare per ottenere un prestito Inpdap per acquisto auto? La cessione del quinto Inpdap per acquisto auto fa parte dei prestiti pluriennali Inps ex Inpdap, linee di credito erogate direttamente dall’Inps e accessibili solo a dipendenti e pensionati pubblici.

Ai fini della concessione è necessario poter contare su un contratto di lavoro a tempo indeterminato e un’anzianità di servizio utile alla pensione non inferiore a 4 anni. I lavoratori pubblici assunti con contratto a tempo determinato ottengono il finanziamento solo se il contratto di lavoro ha una durata non inferiore a 3 anni. Altro requisito da soddisfare è l’iscrizione alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, un apposito fondo credito dell’Inps.

La somma massima erogabile è di 20 mila euro, il piano di ammortamento prevede rate mensili di importo costante definite con l’applicazione di un tasso di interesse (Tan) pari al 3,5%. Il rimborso ha durata quinquennale e sull’importo lordo della prestazione si applica un’aliquota dello 0,5% per le spese di amministrazione.

Per la trasmissione della domanda è necessarioutilizzare i servizi online del sito Inps. I dipendenti pubblici in attività di servizio devono rivolgersi all’Amministrazione di appartenenza. I pensionati invece possono inviare la richiesta autonomamente tramite l’apposito servizio online presente sul sito inps.it, oppure rivolgersi ai patronati abilitati dall’Istituto.