Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Condizioni e importi prestiti Inpdap casa per acquisto e ristrutturazione

Come ottenere un prestito Inpdap per la prima casa

I prestiti pluriennali Inpdap sono prodotti a condizioni agevolate erogati in favore di dipendenti e pensionati pubblici. Prodotti che sono concessi a quanti si trovano ad affrontare spese importanti, tra cui l’acquisto e la ristrutturazione della casa di residenza. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le caratteristiche dei prestiti Inpdap casa e chi può ottenerli.

Rientrano nella categoria dei prestiti Inpdap casa i prestiti pluriennali concessi per le seguenti motivazioni.

  • Acquisto dell’abitazione destinata a residenza;
  • Costruzione dell’abitazione destinata a residenza;
  • Riscatto di alloggi popolari o di alloggi di proprietà di enti pubblici già in locazione;
  • Acquisizione di casa in cooperativa o da una cooperativa do locatari di abitazioni di enti pubblici che sia in corso di dismissione;
  • Interventi di restauro e risanamento conservativo, manutenzione straordinaria o ristrutturazione edilizia della casa di proprietà.

Importi finanziabili, rimborso e tasso di interesse

Tutti i prodotti che rientrano nella categoria dei prestiti Inpdap casa prevedono un piano di rimborso decennale. Le rate hanno rata mensile e sono decurtate direttamente dalla busta paga o dalla pensione percepita dal beneficiario.

Dato che i prestiti pluriennali sono prodotti basati sulla cessione del quinto. La rata mensile non può eccedere la quinta parte dello stipendio o della pensione netta mensile percepita dal beneficiario. Il tasso di interesse (Tan) è sempre fisso al 3,5%.

Oltre al tasso di interesse, sull’importo lordo del beneficiario si applica anche un’aliquota dello 0,5% per la definizione delle spese di amministrazione. È previsto inoltre un premio per il Fondo Rischi dell’Inps. Premio che viene definito con l’applicazione di un’aliquota che varia in base alla durata del prestito e all’età del richiedente.

Per quanto attiene alla somma finanziabile del prestiti Inpdap casa, questa viene definita in sede di domanda sulla base del reddito percepito dal richiedente. Tuttavia l’Inps ha fissato alcuni limiti di importo per alcune delle finalità ammesse dal Regolamento Prestiti Inpdap.

Nello specifico, quanti richiedono prestiti Inpdap casa per l’acquisto della casa di residenza l’importo massimo finanziabile è pari a 150 mila euro. Lo stesso vale per i prestiti per la costruzione della casa di residenza. I prestiti che hanno lo scopo di sostenere spese di manutenzione, ristrutturazione, ecc. invece possono ottenere al massimo 100 mila euro.

Chi può ottenere i prestiti Inpdap prima casa

Ora che abbiamo visto quali sono le condizioni dei prestiti Inpdap casa, passiamo alla questione dei requisiti. Dato che rientrano nella categoria dei prestiti pluriennali, questi finanziamenti sono soggetti alle stesse condizioni. Sono quindi accessibili solo a quanti soddisfano una serie di requisiti.

Ai fini dell’accesso al credito è necessario innanzitutto essere dipendenti o pensionati pubblici. Il richiedente deve inoltre essere iscritto al Fondo credito Inps, la Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Il richiedente deve inoltre poter contare su almeno quattro anni di anzianità di servizio utile ai fini della pensione. Non solo. Sono richiesti anche quattro anni di versamento contributivo presso la suddetta Gestione Unitaria.

Sebbene sia richiesta la presenza di un contratto a tempo indeterminato, possono ottenere i prestiti pluriennali anche quanti sono assunti a tempo determinato. In questo caso però è necessario che il contratto di lavoro abbia una durata non inferire a 3 anni.

Indice contenuti