Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestito pluriennale Inpdap 2016 2017: cos’è e come richiederlo

Cosa sono i prestiti pluriennali diretti Inpdap

Il prestito pluriennale Inpdap fa parte dell’offerta di prestiti agevolati ex Inpdap erogati dall’Inps in favore dei lavoratori e dei pensionati pubblici. Si tratta di prestiti finalizzati a tassi di interesse agevolati che consentono di accedere a somme fino a 150 mila euro. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le caratteristiche di questo prodotto.

Possono richiedere un prestito pluriennale Inpdap esclusivamente i lavoratori pubblici e i pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, Fondo di credito attraverso il quale l’Inps eroga i prestiti ex Inpdap.

Ai fini dell’accesso al credito, oltre all’iscrizione, gli interessati devono poter vantare almeno 4 anni di versamento contributivo alla suddetta Gestione e 4 anni di anzianità di servizio utile alla pensione.

Trattandosi di prestiti finalizzati, inoltre, l’Inps concede questi finanziamenti solo a condizione che il richiedente possa dimostrare determinate necessità personali o familiari che rientrino nelle casistiche contemplate dal Regolamento Prestiti Inps.

Caratteristiche del prestito pluriennale diretto Inpdap

Per quanto riguarda le condizioni contrattuali, il prestito pluriennale Inpdap può durare 5 o 10 anni. Durata e importo finanziabile sono definiti a seconda della finalità del finanziamento, come stabilito dal Regolamento Prestiti Inps. Va tuttavia sottolineato che non è possibile eccedere i 150 mila euro, somma che viene concessa per i prestiti pluriennali per l’acquisto o la ristrutturazione della prima casa.

Indipendentemente dalla durata o dall’importo finanziato, il tasso di interesse è del 3,50%. Oltre al tan, sull’importo lordo della prestazione si applicano anche un’aliquota per le spese di amministrazione dello 0,50% e una quota per il Fondo Garanzia Inps. quest’ultima viene definita in base alla durata del piano di ammortamento e all’età del richiedente.

Il rimborso del credito avviene con un piano di ammortamento a rate mensili, decurtate direttamente dalla pensione o dalla busta paga del richiedente. La quota cedibile, ossia la rata mensile, non può però superare la quinta parte dello stipendio o della pensione netta percepita dal beneficiario del prestito.

come presentare la domanda prestiti pluriennali Inpdap 2017

Ma come richiedere un prestito pluriennale Inpdap? La domanda di finanziamento deve essere redatta nell’apposito modulo, disponibile direttamente online nella sezione Modulistica del sito inps.it.

I lavoratori pubblici in servizio devono inoltrare le domande di prestito per il tramite dell’Amministrazione presso cui sono assunti, mentre i pensionati ex Inpdap devono ricorrere all’apposito servizio online per l’invio della domanda accedendo all’Area riservata del sito Inps.

Ricordiamo infine che alla domanda va allegata tutta la documentazione indicata dal Regolamento Prestiti Inps, a seconda della finalità del prestito.