Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Calcolo della rata del mutuo: i passaggi per eseguirlo

Il calcolo della rata del mutuo è fondamentale quando si sceglie il piano migliore per le proprie esigenze. Per effettuarlo al meglio è necessario tenere conto di aspetti come il tasso d’interesse e lo spread.

Rata del mutuo: informazioni sul calcolo

Quando si effettua il calcolo della rata del mutuo è necessario partire dalla scelta del tasso d’interesse, ricordando che in caso di tasso fisso l’importo della rata mensile rimane invariato nel corso del piano di ammortamento.

Il tasso variabile determina invece delle modifiche sia al rialzo sia al ribasso. Optando per il tasso variabile con CAP è possibile usufruire di una rata con tutti i vantaggi del tasso variabile ma senza il problema di dover affrontare eventuali aumenti degli interessi, dal momento che esiste un tetto massimo oltre il quale non è possibile andare.

Calcolo della rata del mutuo Inpdap: come funziona?

Iniziamo a parlare di calcolo della rata del mutuo in maniera concreta, facendo riferimento al piano ipotecario Inps ex Inpdap. Come funziona questa tipologia di mutuo? Con la possibilità di richiedere fino a 300.000€ finalizzati all’acquisto della prima casa d’abitazione.

Il mutuo ipotecario Inps ex Inpdap è accessibile da parte degli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e può essere richiesto anche per la ristrutturazione della casa e per la costruzione di un box o di un posto auto.

Il mutuatario ha la possibilità di scegliere tra tasso fisso pari al 2,95% e tasso variabile calcolato sulla base dell’Euribor 6 mesi maggiorato di 200 punti base e calcolato su 360 giorni.

Calcolo rata mutuo tasso fisso: ecco i piani migliori

Continuiamo a parlare di calcolo della rata del mutuo dando qualche informazione sui migliori piani a tasso fisso. Quali sono? Tra i più vantaggiosi è senza dubbio possibile ricordare il mutuo proposto da Deutsche Bank.

Come funziona? Per capirlo ipotizziamo la scelta di richiedere un mutuo di 130.000€ e la scelta di un piano di ammortamento della durata di 20 anni. In questo caso a carico del beneficiario ci sarebbe una rata mensile di 681,30€, con TAN fisso e TAEG pari rispettivamente al 2,38 e al 2,53%.

Calcolo della rata del mutuo: i migliori piani a tasso variabile

Anche per quanto riguarda i piani a tasso variabile è utile dare qualche informazione sul calcolo della rata del mutuo. Pure in questo caso facciamo riferimento a un esempio specifico, ipotizzando sempre la richiesta di 130.000€ e un piano di ammortamento della durata di 20 anni.

Considerando come punto di riferimento il mutuo di WeBank, si avrebbe una rata mensile di 612,71€, con tasso d’interesse calcolato sulla base dell’Euribor 3 mesi, maggiorato di uno spread dell’1,50% (TAEG pari all’1,29%). Questo piano non prevede spese d’istruttoria od oneri di perizia.

Indice contenuti