Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Chi effettua prestiti con cambiali, cosa offrono?

I prestiti cambializzati sono formule di accesso al credito la cui popolarità è cresciuta molto negli ultimi anni, soprattutto per via della crisi e dell’incertezza lavorativa. Sono infatti sempre di più le persone che si informano su chi effettua prestiti con cambiali e sulle caratteristiche di questi prodotti finanziari.

Prestiti cambializzati: informazioni tecniche

Prima di vedere chi effettua prestiti con cambiali è bene approfondire le caratteristiche di questi prodotti. I prestiti cambializzati sono formule di accesso al credito che si basano sul rimborso di cambiali – titoli esecutivi che possono essere convertiti o meno in denaro – entro una determinata data di scadenza, stabilita in sede di sottoscrizione del contratto.

Garanzie per i prestiti cambializzati: quali sono

Un altro tassello da analizzare prima di entrare nel vivo di chi effettua prestiti con cambiali riguarda le garanzie. Quali sono quelle necessarie per accedere al credito tramite le cambiali? La risposta in questo caso varia in base al lavoro svolto dal soggetto interessato al prestito. Il primo caso è quello del lavoratore dipendente, che può presentare come garanzia di solvibilità il vincolo del TFR.

Il libero professionista è invece tenuto a portare una polizza vita aperta da almeno due anni. Il terzo caso riguarda invece il dipendente neo assunto, che può accedere al prestito cambializzato solo se presenta un terzo soggetto garante.

Perché richiedere un prestito cambializzato?

Sono tante le persone che si chiedono chi effettua prestiti con cambiali, ma non mancano anche coloro che si fanno domande sui vantaggi di questi prodotti. Perché chiedere un prestito cambializzato? Prima di tutto perché si tratta di prodotti accessibili anche a chi non ha una busta paga, quindi a chi si trova temporaneamente senza lavoro.

In secondo luogo è bene ricordare che l’erogazione dei prestiti cambializzati non prevede il controllo delle banche dati, motivo per cui possono essere richiesti anche dai segnalati in Crif protestati o cattivi pagatori, che incontrano numerose difficoltà quando richiedono prestiti personali tradizionali.

Il contro del prestito con cambiali è il tasso più alto rispetto a quelli tradizionali, dovuto soprattutto al maggior rischio d’insolvenza.

A chi richiedere un prestito cambializzato?

A questo punto possiamo rispondere alla domanda chi effettua prestiti con cambiali, ricordando che tra le principali realtà che consentono di richiedere questo tipo di prodotti finanziari è possibile ricordare Agos Ducato.

Esistono anche numerose finanziarie locali, come per esempio il sito quiprestiti.it, che permettono di richiedere prestiti cambializzati direttamente online. Tra gli altri vantaggi dei prodotti in questione è possibile ricordare anche questo aspetto e la velocità di erogazione, compresa tra le 24 e le 48 ore.

Concludiamo ricordando che con i prestiti cambializzati è possibile ottenere una cifra massima generalmente pari a 60.000€, che non è necessario presentare un giustificativo delle spese effettuate con la cifra ricevuta e che, in caso d’insolvenza, la realtà creditizia ha la facoltà di rivalersi sui beni del beneficiario del contratto.

Indice contenuti