Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come avere prestiti senza garanzie? Guida al credito

Oggi sono sempre più frequenti le richieste di chi vuole capire come avere prestiti senza garanzie. Quando si parla di questo argomento è però doverosa una precisazione. La mancanza di garanzie non è sinonimo di assenza di sostanze finanziarie, ma semplicemente d’impossibilità di presentare una busta paga mensile fissa.

I prestiti senza garanzie sono infatti dei prodotti che non riguardano solo i disoccupati, ma anche i liberi professionisti.

Prestito senza busta paga: le alternative migliori

Quando ci si chiede come avere prestiti senza garanzie bisogna considerare diversi prodotti. Uno dei più celebri è il finanziamento cambializzato. Le richieste di accesso a questi prestiti, che sono cresciute molto negli ultimi anni, permettono di soddisfare le esigenze di accesso al credito di chi non ha una busta paga, ma anche di chi risulta segnalato alla Crif come cattivo pagatore.

Il prestito cambializzato è caratterizzato da un tasso fisso per tutta la durata del piano di ammortamento, che può durare fino a 120 mesi. La sua particolarità riguarda l’obbligo di rimborsare cambiali, titoli esecutivi che possono essere convertiti in denaro contante a discrezione del cliente. La loro natura di esecuzione forzata permette alla realtà creditizia di rivalersi sui beni del cliente in caso d’insolvenza.

Degno di citazione è il trattamento del tasso, che viene alzato rispetto a quello applicato ai prestiti tradizionali in quanto i finanziamenti cambializzati sono considerati dei prodotti a rischio per via dell’accessibilità a chi non ha una busta paga e a chi ha un passato di cattivo pagatore.

Finanziamenti senza garanzie: altre soluzioni da considerare

Come avere prestiti senza garanzie? Ricorrendo al credito su pegno. Questa modalità di accesso al credito prevede semplicemente che il cliente impegni un bene mobile prezioso. Il suddetto viene sottoposto alla valutazione di un professionista. Sulla base del suo parere tecnico si procede con l’erogazione della cifra. Il cliente ha la possibilità, una volta terminato il pagamento delle rate, di riscattare il bene.

Per completare l’operazione deve però presentare una polizza al portatore ritirata al momento della sottoscrizione del contratto.

Prestiti con garanzie alternative: ecco cosa sapere

Ultimo punto da approfondire quando si discute di come avere prestiti senza garanzie riguarda la presentazione di soluzioni alternative alla busta paga. A tal proposito si può considerare la proprietà di un immobile, la titolarità di un assegno divorzile, la proprietà di titoli azionari od obbligazionari.

In ogni caso è utile ricordare che le realtà creditizie tendono a preferire le richieste di accesso al credito da parte di chi ha la possibilità di presentare una busta paga. Se la situazione è considerata comunque poco affidabile si può ricorrere al garante, facendo attenzione a scegliere una persona con un contratto di lavoro a tempo indeterminato e con la possibilità d’intervenire in maniera straordinaria in caso di difficoltà economiche da parte del beneficiario principale.

Indice contenuti