Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come finanziare una start up: le soluzioni migliori per i neo imprenditori

Sono sempre di più le persone che scelgono di avviare attività imprenditoriali. Le start up rappresentano effettivamente un’alternativa utile per chi vuole mettersi in gioco nel mondo del lavoro, ma hanno bisogno di ossigeno economico. Ecco perché è bene sapere come finanziare una start up e guardarsi intorno alla ricerca del prodotto migliore.

Prestito d’onore: ecco come funziona

Chi vuole capire come finanziare una start up deve prendere necessariamente in considerazione le caratteristiche del prestito d’onore.

Di cosa si tratta? Di una modalità di accesso al credito regolamentata dalla legge 185/2000 e riservata agli under 35 disoccupati o inoccupati da almeno 6 mesi.

Informazioni sul prestito d’onore: durata e spese ammesse

Quando ci si chiede come finanziare una start up è fondamentale approfondire le caratteristiche del prestito d’onore in quanto si tratta di un prodotto che consente di affrontare molte spese, da quelle per l’acquisto delle attrezzature ai costi dei beni immateriali a utilità pluriennale.

Molto importante è ricordare che si tratta di un finanziamento agevolato che deve durare minimo cinque anni. Le cifre erogate vengono infatti gestite fornendo metà della somma richiesta tramite prestito a fondo perduto, e la restante parte sotto forma di finanziamento a tasso agevolato.

In questo caso l’interesse applicato è inferiore del 30% rispetto al valore in vigore al momento dell’accesso al finanziamento da parte del neo imprenditore.

Prestiti tra privati: ecco perché considerarli quando si apre una start up

Tra le soluzioni disponibili per chi vuole capire come finanziare una start up ci sono anche i prestiti tra privati. Per le spese iniziali sotto i 15/20.000€ si può ricorrere a questa alternativa che, come è chiaro dalla definizione stessa, non prevede l’intervento di banche o società finanziarie.

Per il social lending in Italia bisogna fare riferimento a due portali in particolare, ossia Smartika e Prestiamoci.com, che si occupano di gestire le richieste di accesso al credito e di dilazionare le cifre messe a disposizione dai prestatori su più finanziamenti.

Nuove Imprese Start Up: breve guida al finanziamento Unicredit

Anche le banche offrono soluzioni interessanti per chi vuole sapere come finanziarie una start up. Tra le tante alternative che è utile analizzare citiamo Nuove Imprese Start Up, un prodotto di Unicredit.

In questo caso il neo imprenditore ha la possibilità di accedere a un finanziamento massimo pari a 100.000€. La durata del piano di ammortamento non può superare i 7 anni.

Il rimborso può essere caratterizzato da rate mensili, trimestrali o semestrali. Il tasso, invece, può essere fisso o variabile. In caso di finanziamento a tasso variabile il cliente deve fare riferimento al parametro Euribor 3 mesi maggiorato dello spread.

Per accedere a questo finanziamento è necessario che l’impresa sia iscritta alla C.C.I.A.A. da non più di 21 mesi.

Indice contenuti