Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Ecco come scegliere il mutuo migliore 2020, i parametri da considerare

Quando ci si approccia al mercato dei finanziamenti, emerge come uno dei principali interrogativi come scegliere il mutuo migliore?. L’attivazione del mutuo conduce a un impegno che si protrae per decenni e ha importanti ricadute economiche in ambito familiare. Il prodotto migliore, chiaramente, è deciso dalla compatibilità tra il profilo del richiedente e le qualità della linea di credito.

Trovare il miglior mutuo prima casa 2020, cosa fa la differenza

Qual è allora il punto di partenza per comprendere l’effettiva convenienza di un mutuo? L’importanza del Taeg non può essere sottovalutata. Più che il tasso di interesse va considerato appunto il Tasso annuo effettivo globale. Il perché è molto semplice.

All’interno di questo fattore convergono sia gli interessi che il capitolo dei costi. Stiamo parlando delle spese accessorie nonché dei costi aggiuntivi.

Ci sono infatti molte spese che hanno una significativa incidenza sulla convenienza del finanziamento. Pensiamo alle spese di istruttoria o a quelle di incasso rata, senza contare il costo della perizia, eccetera.

Tassi mutuo a confronto, spread e la ricerca della proposta più competitiva

Un altro fulcro del processo di selezione dei finanziamenti, ovvero come scegliere il mutuo migliore, coincide con lo spread. Analizzando il tasso di interesse, infatti, emerge con chiarezza la presenza di due fattori.

Da una parte abbiamo il tasso di riferimento, che cambia nel rispetto della tipologia del mutuo. I principali indici sono costituiti da Euribor ed Eurirs. Dall’altra troviamo lo spread. In cosa consiste? Questo parametro è la percentuale di interesse disposta dall’istituto di credito attinente al capitale oggetto del mutuo.

Non andrebbe mai trascurato l’istituto bancario che eroga il mutuo. Con l’attivazione di questo finanziamento, la banca diventa l’interlocutore per il consumatore nell’ambito di un rapporto che va a protrarsi per molti anni.

Meglio preferire quindi banche affidabili e dall’ottima solidità finanziaria. Per compiere la scelta giusta il consumatore dovrà prendersi del tempo per procedere con un’accurata opera di confronto delle diverse offerte.

Solo un puntuale esame delle diverse proposte può condurre all’individuazione delle più competitive. Da questo punto di vista è rilevante il contributo dei portali specializzati e di quelli di comparazione online.

Come scegliere il mutuo migliore? Nella prospettiva di conseguire tassi di interesse convenienti, le garanzie presentate dal richiedente sono determinanti. La propria posizione lavorativa è in grado di fare la differenza. Il consumatore deve dimostrare, grazie alle proprie entrate, di poter affrontare il processo di rimborso.