Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutuo casa: guida alle migliori offerte

La ricerca del mutuo casa più conveniente richiedete tempo e deve tenere presenti tanti variabili. Si tratta del resto del finanziamento più richiesto nel nostro mercato prestiti e che rappresenta la soluzione più conveniente per acquistare la prima casa.

Mutui prima casa: cosa sono e come funzionano

C’è anche chi sceglie il mutuo casa come investimento, acquistando una seconda abitazione. Nella nostra selezione dei prodotti più interessanti, ci limiteremo a trattare i mutui per l’abitazione principale, in relazione ai quali i fattori determinanti sono: il tasso applicato, l’entità del finanziamento e la durata del piano di rimborso.

Mutui per acquisto casa: le variabili da considerare

In linea di massima perché il mutuo casa sia sostenibile è necessario che la rata non superi il 35% del reddito percepito. Altro elemento chiave è rappresentato dal tipo di tasso. Se non si vuole correre rischi e si dispone di un reddito stabile e costante, è preferibile scegliere un mutuo a tasso fisso.

Se invece si vuole puntare sul possibile risparmio prodotto dagli andamenti del mercato, vi consigliamo di optare per un tasso variabile. Al di là del tipo di tasso, va valutato il Taeg, ossia il Tasso annuo effettivo globale, che rappresenta il costo complessivo del mutuo.

Vi ricordiamo infine che sull’acquisto della prima casa è possibile fruire di particolari agevolazioni. Informazioni su quest’opportunità prima di stipulare il mutuo.

Per comprendere qual è il mutuo casa più conveniente, abbiamo deciso di compiere una simulazione di calcolo del mutuo, passando in esame le migliori proposte a tasso fisso e variabile. La richiesta è di 150mila euro (valore dell’immobile 200mila euro), a fronte di una durata ventennale.

Mutuo casa: i migliori prodotti a tasso fisso

Questi i migliori mutui a tasso variabile per l’acquisto della prima casa:

  • BNL – Mutuo Variabile: è applicato un tasso variabile corrispondente all’1,24% (Euribor 1M + 1,60%), Taeg 1,36%. La rata è di 705,68 euro. Tra i costi troviamo 1.080 euro di istruttoria e 300 euro di perizia.
  • Webank – Mutuo Variabile. Troviamo un tasso pari all’1,36% (Euribor 3M + 1,65%), Taeg 1,39%. Tra i vantaggi troviamo l’assenza di oneri di istruttoria e perizia. La rata è di 714 euro.
  • ING Direct – Mutuo Arancio Acquisto. È applicato un tasso dell’1,41%(Euribor 3M + 1,70%), Taeg 1,45%. Anche in questo caso non vi sono costi di istruttoria e perizia. Le prime due rate sono pari a 738,68 euro (Euribor 3M + 2,00%), la rata diviene quindi 701,44 euro.

Prima casa: mutui a tasso fisso

I due migliori mutui a tasso fisso sono:

  • Intesa Sanpaolo – Mutuo Domus Fisso. Il tasso è del 2,05%, Taeg 2,23%. Sono da considerare 700 euro di istruttoria e 320 euro di perizia. La rata mensile corrisponde a 762,38 euro.
  • BNL – Mutuo Spensierato. È applicato un tasso pari al 2,30% (Taeg 2,45%). Ci sono vari costi da considerare: 1.080 euro di istruttoria e 300 di perizia. La rata è pari a 780,32 euro.

Indice contenuti