Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Consolidamento prestiti 2024: perché fa risparmiare e chi lo mette a disposizione

Il consolidamento prestiti consente di regolarizzare la propria posizione debitoria in situazioni all’apparenza compromesse. Se si hanno pendenze con realtà creditizie differenti, si ha modo di accorpare tutti i finanziamenti in un’unica rata.

L’interlocutore diventa così uno ed è più comodo gestire il rimborso, sfruttando inoltre condizioni contrattuali più interessanti.

Consolidamento debiti Fineco: come funziona

Sono diverse le realtà creditizie che mettono a disposizione soluzioni di consolidamento prestiti. Una di queste è Fineco. In questo caso il cliente può richiedere una somma compresa tra 11.000 e 50.000€. Il piano di ammortamento, invece, può andare dai 12 ai 72 mesi.

Fineco consente di richiedere il consolidamento unicamente per i prestiti personali, a prescindere che siano finalizzati o meno. Gli utenti possono accorparne massimo quattro.

Da ricordare è il fatto che non risulta possibile richiedere il consolidamento in caso di prestiti contro cessione del quinto. Un altro requisito fondamentale riguarda il fatto che i finanziamenti da accorpare siano rimborsati con rate addebitate su un conto corrente Fineco.

Concludiamo ricordando che, in caso d’importo inferiore a 50.000€, è possibile richiedere liquidità aggiuntiva per massimo 1.000€.

Consolidamento debiti Findomestic: analisi del prodotto Rata Unica

Il prodotto Rata Unica è il riferimento principale quando si parla di consolidamento prestiti con Findomestic. In questo caso è possibile accorpare anche il mutuo. Da ricordare è che la rata risultante è inferiore alla somma delle vecchie.

Prestito Personale Unica: i vantaggi del consolidamento debiti Compass

Interessante da citare è anche la soluzione di Compass in merito al consolidamento prestiti. Il prodotto Prestito Personale Unica permette di accedere a una cifra massima pari a 30.000€. Riservato a clienti di età compresa tra i 18 e i 70 anni, permette di ricevere in giornata l’importo richiesto.

Per procedere con l’istanza è necessario presentarsi press una filiale Compass muniti di documento d’identità, tesserino del codice fiscale, documento di reddito, conteggi estintivi dei prestiti in corso. I cittadini stranieri possono richiedere questo prestito, a patto che risultino residenti in Italia da almeno un anno.

Consolidamento debiti Poste Italiane: quanto si può richiedere

Anche Poste Italiane ha pensato a una soluzione di consolidamento prestiti. Si tratta del prodotto Prestito BancoPosta consolidamento. Il cliente che lo sceglie per accorpare le rate di diversi debiti deve tenere presente la possibilità di richiedere una cifra compresa tra i 3.000 e i 50.000€.

Il piano di ammortamento, invece, può andare dai 24 ai 96 mesi. Il prestito in questione può essere richiesto da soggetti residenti in Italia titolari di un reddito da lavoro o da pensione. Per presentare richiesta è necessario fornire all’addetto allo sportello carta d’identità, codice fiscale e documento di reddito.

Sono ovviamente necessarie anche i conteggi estintivi dei prestiti che si ha intenzione di estinguere. L’erogazione della cifra avviene sul conto BancoPosta del beneficiario.

Indice contenuti