Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Credito a tasso agevolato con l’offerta Inps Inpdap prestiti personali

Le richieste di accesso al credito sono cresciute notevolmente in questi anni di crisi. In tale contesto è possibile parlare dei prestiti personali come di una soluzione molto comoda, che consente di ricevere denaro senza bisogno di presentare un giustificativo di presa. Inps Inpdap prestiti personali sono prodotti che rispondono a questi criteri tecnici.

Prestiti agevolati concessi dall’Inps

I lavoratori e i pensionati pubblici hanno la possibilità di richiedere Inps Inpdap prestiti personali. Quali sono le alternative disponibili? Il piccolo prestito è senza dubbio una delle più interessanti.

Come funziona questa formula di accesso al credito? Con la possibilità di richiedere quantità contenute di denaro, rimborsando il tutto attraverso piani di ammortamento della durata compresa tra i 12 e i 48 mesi.

Il piccolo prestito

Chi cerca informazioni specifiche su Inps Inpdap prestiti personali non può trascurare le caratteristiche tecniche del piccolo prestito. Questo prodotto è riservato agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, siano essi lavoratori o pensionati.

Caratterizzato da un tasso fisso pari al 4,25%, consente di richiedere un finanziamento minimo pari a una mensilità netta di stipendio (due se non si hanno altre cessioni in corso).

Come richiederlo

Per capire meglio come funzionano i prestiti personali Inps Inpdap è fondamentale approfondire le modalità di presentazione della domanda per l’accesso al piccolo prestito e ricordare che la procedura è differente a seconda che il richiedente sia pensionato o lavoratore in attività di servizio.

Nel primo caso l’istanza di accesso al prestito va inoltrata online, tramite la propria area riservata sul sito ufficiale Inps. I lavoratori in attività di servizio devono invece inoltrare la domanda tramite consegna dei moduli all’Amministrazione di appartenenza, che ha poi il compito di inoltrare il tutto all’Ente.

Prestiti personali su cessione del quinto della pensione

Il novero Inps Inpdap prestiti personali comprende anche la cessione del quinto della pensione. Questa formula di accesso al credito al consumo prevede che il pensionato stipuli autonomamente un contratto di prestito con un istituto di credito o una società finanziaria.

La cifra richiesta è rimborsabile tramite la trattenuta mensile della quinta parte dell’assegno pensionistico. Il prestito contro cessione del quinto deve rispondere a specifiche regole tecniche. Ricordiamo prima di tutto che è caratterizzato da un tasso fisso per tutta la durata del finanziamento e al di sotto della soglia anti usura. La durata massima del piano di ammortamento è pari a 120 mesi.

In casi particolari, come per esempio quelli dei pensionati in età avanzata, le singole realtà creditizie possono abbassare tale lasso di tempo a 60 mesi.

Il prestito contro cessione del quinto della pensione prevede infine la salvaguardia del trattamento minimo. Cosa implica a livello concreto? Il fatto che, in caso di pensioni particolarmente basse, la quota cedibile può essere inferiore a un quinto del trattamento.

Come effettuare una simulazione

Sul sito ufficiale dell’Inps è presente un servizio che consente di effettuare online delle simulazioni di prestiti personali. La funzionalità è molto semplice ed intuitiva e il servizio consente al dipendente o pensionato che lo utilizza di orientarsi tra le varie offerte di finanziamento proposte dall’Istituto. Ma vediamo nel dettaglio come procedere.

Per raggiungere il servizio per la simulazione dei prestiti Inps Inpdap  è necessario collegarsi con il sito Inps e seguire il percorso: “Home – Prestazioni e Servizi – Gestione dipendenti pubblici: simulazione calcolo piccoli prestiti e prestiti pluriennali”.

A questo punto l’utente si trova di fronte al servizio, che consente di scegliere tra tre modalità di calcolo:

  • simulazione prestito;
  • simulazione prestito per importo specifico;
  • simulazione prestito per rata ideale.

Una volta scelto il tipo di simulazione che si desidera effettuare è necessario inserire nell’apposito form i dati richiesti (data di nascita, stipendio mensile, ecc.). A questo punto il sistema proporrà tutti i prestiti agevolati concessi dall’Inps accessibili all’utente.

Per ciascun finanziamento proposto il simulatore indica i seguenti dati:

  • tipo di prestito;
  • durata;
  • importo lordo del prestito;
  • importo della rata;
  • tasso d’interesse;
  • importo degli interessi;
  • importo delle spese amministrative;
  • importo del premio per il Fondo di Garanzia;
  • importo netto del prestito.

Indice contenuti