Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Migliori mutui a tasso fisso 2016: guida alle offerte

Migliori mutui a tasso fisso o variabile: le tendenze di mercato

Quali sono i migliori mutui a tasso fisso? Stando alle ultime stime dell’ABI, tra febbraio e ottobre 2015 l’erogazione di mutui prima casa garantiti dal Fondo di Garanzia ha superato la soglia dei 300 milioni di euro.

L’analisi delle richieste di mutuo inoltrate e soddisfatte, in continua crescita, conferma l’inclinazione degli italiani verso i finanziamenti a tasso fisso.

La principale attrattiva di queste linee di credito è la presenza di un interesse costante nel tempo che non implica rischi futuri rispetto alle variazioni del mercato, ma anzi mette il mutuatario al riparo da eventuali rincari dei tassi.

E sebbene i mutui a tasso variabile risultino molto vantaggiosi in questo periodo (complice il blocco dei tassi definito dalla BCE che ha portato l’Euribor ai minimi storici) questi finanziamenti risultano comunque meno ambiti.

Migliori mutui a tasso fisso 2016: le migliori offerte già attive

A quanto pare la certezza della rata e gli spread particolarmente bassi applicati dalle banche, che cercano di spingere i propri clienti verso questa opzione, rendono i finanziamenti su base Eurirs particolarmente appetibili.

Ma quali sono i migliori mutui a tasso fisso? Tra le offerte di mutuo acquisto a tasso fisso attualmente in vigore abbiamo selezionato le più interessanti. Passiamole in rassegna.

Intesa Sanpaolo propone un mutuo a tasso fisso a partire dall’1,75% per le stipule effettuate entro il 31 dicembre.

Per quanto riguarda la rata, la soluzione più conveniente si ottiene richiedendo finanziamenti per un importo non oltre il 50% del valore dell’immobile, da rimborsare in un periodo non superiore ai 10 anni.

Migliori mutui a tasso fisso: le proposte di Deutsche Bank, Che Banca! E Bancadinamica

Troviamo poi Deutsche Bank che fino al 31 gennaio 2016 sui mutui a tasso fisso richiesti per l’acquisto della prima o della seconda casa applica uno spread promozionale pari all’1,50% se l’importo richiesto non è superiore al 65% del valore dell’immobile e dell’1,80% per importi superiori a tale soglia.

Tra le offerte di mutuo a tasso fisso delle banche on line spicca quella di Bancadinamica che applica alle richieste di mutuo per acquisto prima casa pervenute entro il prossimo 29 febbraio uno spread dell’1,30% per finanziamenti con LTV fino al 60%.

Per i mutui con LTV superiore al 60%, ma entro l’80% del valore dell’immobile, invece si applica uno spread dell’1,50%.

Chiude la selezione di migliori mutui a tasso fisso l’offerta di Che Banca! che sui mutui a tasso fisso con LTV minore o uguale al 50%, con rimborso di durata pari o inferiore a 25 anni, applica uno spread dell’1,30%.

Lo spread promozionale si applica solo alle richieste inoltrate entro il 31 dicembre (e il mutuo deve essere stipulato entro la fine di febbraio 2016). Sui mutui con stessa durata, per LTV fino al 60% lo spread è pari all’1,50%, mentre per LTV non superiori al 70% lo spread è fisso all’1,60%.

Indice contenuti