Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui quale banca conviene: la guida per il prodotto migliore

Mutui quale banca conviene? La risposta a questa domanda cambia a seconda delle esigenze specifiche del mutuatario. Nonostante ciò è possibile, analizzando diverse proposte, trovare piani particolarmente convenienti.

Quale banca scegliere per un mutuo

Documentarsi relativamente a mutui quale banca conviene significa partire dall’analisi di alcune opzioni, come per esempio le promozioni periodiche sullo spread – il valore che rappresenta l’effettivo guadagno dell’istituto di credito – o la possibilità, una volta pagato regolarmente un determinato numero di rate, di avvalersi di vantaggi come il blocco temporaneo dei versamenti o la variazione della durata del piano di ammortamento.

Banca migliore per il mutuo: facciamo qualche esempio

Per entrare nel vivo della risposta a mutui quale banca conviene non resta che fare qualche esempio specifico, per capire quali sono le proposte dei vari istituti di credito. Iniziamo ipotizzando la richiesta di un mutuo di 170.000€ finalizzato all’acquisto della prima casa e la scelta di un piano di ammortamento della durata di 25 anni.

Prendendo in esame un piano a tasso fisso e la proposta di WeBank, si avrebbe una rata mensile di 781,53€, con TAN e TAEG corrispondenti rispettivamente al 2,72 e al 2,78%. Questo istituto di credito non prevede l’applicazione di oneri d’istruttoria o di costi di perizia.

Miglior banca per mutuo a tasso fisso: altri esempi

Continuiamo a parlare di mutui quale banca conviene facendo altri esempi di piani a tasso fisso vantaggiosi. Tenendo sempre ferma la richiesta di un mutuo di 170.000€ e la scelta di rimborsarlo in 25 anni, considerando il piano di HelloBank si avrebbe una rata mensile di 779,88€, con TAN del 2,70 e TAEG del 2,82%.

Questo istituto di credito, che fa riferimento a BNL Gruppo BNP Paribas, prevede spese di istruttoria e di perizia per 200 e 300€.

Quale banca scegliere per un mutuo a tasso variabile?

Anche per capire mutui quale banca conviene in caso di tasso variabile è bene analizzare diverse proposte. Per farlo continuiamo a ipotizzare il mutuo da 170.000€ e la scelta di un piano di 25 anni. Prendendo come riferimento il piano di Banco Popolare, si avrebbe una rata mensile di 652,29€.

In questo caso il tasso variabile è dato dalla somma tra il valore dell’Euribor 3 mesi e uno spread dell’1,15%, mentre il TAEG è pari all’1,31%. Il mutuo in questione prevede spese d’istruttoria e di perizia per 1.000 e 320€.

Per trovare un altro mutuo a tasso variabile conveniente possiamo fare riferimento al piano di Banca Sella che, tenendo conto dei dati prima ricordati, prevede l’applicazione di una rata di 663,25€, con tasso frutto della somma tra il valore dell’Euribor 3 mesi e uno spread dell’1,55%.

Il TAEG di questo piano, che prevede spese d’istruttoria e di perizia per 425 e 200€, è pari all’1,44%.

Indice contenuti