Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutuo prima casa agevolazioni: ecco come risparmiare

Mutuo prima casa agevolazioni: quali le opportunità? Diverse sono le coppie che cercano di ottenere un maggiore risparmio economico stipulando un mutuo prima casa usufruendo delle agevolazioni fiscali. Queste contribuiscono a rendere più sostenibile l’acquisto dell’immobile

Mutuo prima casa agevolazioni 2016: riduzione dei costi

Prima di accendere un mutuo ipotecario per acquisto prima casa è bene conoscere ogni proposta finanziaria presente sul mercato. Numerosi sono i siti di comparazione che consentono di trovare la migliore soluzione di mutuo ipotecario.

Diventa indispensabile però per il mutuatario conoscere ogni costo legato all’accensione del mutuo ipotecario, dal valore attribuito al Tan al Taeg, che ne rappresenta il reale costo complessivo del mutuo.

Strumenti efficaci ad indicare il reale costo del mutuo ipotecario ma soprattutto che ci permettono di ottenere un maggiore risparmio, ma come è possibile accendere un mutuo prima casa usufruendo di agevolazioni fiscali?

La nuova Legge di Stabilità 2016 ha introdotto due vantaggiose agevolazioni fiscali che permettono di accedere un mutuo prima casa ottenendo un maggiore risparmio economico.

Le agevolazioni fiscali previste consentono anche a chi vuole cambiare abitazione ma non riesce a vendere l’immobile. Si può così usufruire di vantaggiose condizioni per la stipula di un mutuo ipotecario, oltre a disporre di agevolazioni fiscali anche per chi acquista un’abitazione in cantiere.

Mutuo prima casa agevolazioni fiscali: la detrazione Irpef

Per i proprietari di un bene immobile che hanno difficoltà a vendere la casa di proprietà secondo quanto disposto dalla nuova Legge di Stabilità 2016, sarà possibile usufruire delle agevolazioni che consentono di acquistare un ulteriore immobile residenziale non di lusso con imposte ridotte.

Agevolazione possibile solo se si riuscirà a mantenere al massimo per un anno il possesso di un altro bene immobile già acquisito in precedenza.

Le giovani coppie che vogliono acquistare un bene immobile tramite mutuo prima casa direttamente da un costruttore potranno recuperare il 50% dell’Iva che grava sulla vendita tramite detrazione Irperf.

Mutuo prima casa agevolazioni e sconti: categorie catastali

Con le nuove diposizioni per le detrazioni fiscali su acquisto prima casa stabilite dalla nuova Legge di Stabilità 2016 sarà possibile usufruire delle agevolazioni fiscali: solo se l’immobile acquistato non appartenga alle categorie catastali A1, A8, o A9 (non dovrà essere catalogato come bene di lusso).

Il proprietario dell’abitazione dovrà inoltre stabilire la residenza nel comune dove si trova l’immobile entro un massimo di 18 mesi. Anche i proprietari di un bene immobile acquistato in precedenza potranno usufruire delle agevolazioni fiscali previste purché lo stesso sia venduto entro massimo un anno dall’acquisto del nuovo immobile.

La tassazione prevista per acquisto di un bene immobile da un privato o società costruttrice non si baserà sui i reali costi pattuiti ma in base al valore catastale dell’immobile, che di norma risulta sempre più basso rispetto al prezzo reale.

Per acquisto di prima casa l’imposta di registro prevista è del 2% del valore catastale ai quali potranno aggiungersi 100 euro per imposta catastale e imposta ipotecaria, tramite versamento di minimo 1.000 euro.

Indice contenuti