Vantaggi dei prestiti Inpdap Findomestic, condizioni dell’offerta gennaio 2018

Prestiti Findomestic per dipendenti e pensionati pubblici

Al fine di garantire a dipendenti e pensionati pubblici la possibilità di accedere al credito a condizioni agevolate, l’Inpdap ha sottoscritto delle convenzioni con diversi istituti di credito. Tra questi troviamo Findomestic. La nota finanziaria online eroga infatti finanziamenti a condizioni agevolate dedicate a lavoratori e pensionati pubblici, i prestiti Inpdap Findomestic.

Quando si analizza l’offerta prestiti Inpdap Findomestic si fa riferimento a due prodotti. La società finanziaria eroga infatti prestiti su cessione del quinto a condizioni agevolate tramite cessione del quinto dello stipendio o della pensione.

I vantaggi dell’offerta prestiti Inpdap Findomestic sono rappresentati innanzitutto dalla possibilità di ottenere somme anche oltre 30 mila euro. Denaro da rimborsare con un piano di ammortamento a rate mensili di importo costante. La rata viene detratta direttamente dalla busta paga o dall’assegno pensionistico del beneficiario. Il tasso di interesse è fisso.

Da considerare anche il fatto che i prestiti su cessione del quinto possono essere richiesti anche da coloro che hanno già in corso un prestito. Questo perché date le caratteristiche della cessione del quinto, finanziamenti di questo tipo possono essere concessi anche a chi ha già un finanziamento. Il rimborso delle rate è infatti garantito dalla presenza di un reddito fisso. Lo stesso vale per quanti sono segnalati come cattivi pagatori.

Offerte Findomestic prestiti su cessione del quinto gennaio 2018

Data la sottoscrizione di una convenzione con l’ente previdenziale, quanti richiedono prestiti Inpdap Findomestic possono beneficiare anche di condizioni agevolate e tempi brevi per la concessione del credito. Riportiamo di seguito le condizioni delle offerte pubblicizzate sul sito ufficiale della finanziaria.

Fino al 31 gennaio 2018 è possibile ottenere un prestito su cessione del quinto della pensione da 12 mila euro da rimborsare in 120 mesi. La rata mensile da corrispondere è pari a 136 euro mentre Tan e Taeg sono fissi rispettivamente al 6,46% e al 6,65%.

Per i lavoratori dipendenti invece l’offerta di gennaio prevede un finanziamento da 13 mila euro con rimborso in 120 mesi. La rata mensile è fissa a 144 euro mentre Tan e Taeg si attestano rispettivamente al 5,95% e al 6,11%.

Ricordiamo infine che i dipendenti pubblici hanno anche la possibilità di richiedere prestiti con delega di pagamento. Prodotti che consentono a chi ha già in corso una cessione del quinto di cedere un’ulteriore quinto dello stipendio, arrivando così a un massimo di due quinti (40%) della busta paga.